Ed ora, PREPARATE LA VASELINA!

Cazzo, ci risiamo!
Ed ecco il consulente di Goldman Sachs (BANCOCRATA fino al midollo) che ci finirà di aporire il culo col placet di TUTTO l’arco parlamentare!!
In questi giorni i giornalai italici si sono sbracciati per dirci quanto è buono e giusto il Monti, che intanto un miracolo l’ha già fatto: si incassa il suo compenso da senatore a vita (pare di 25.000 euro mensili) ovviamente OLTRE ALTRI EMOLUMENTI E PROBABILMENTE ANCHE QUALCHE PENSIONE, ma al momento non ho trovato riscontri.
Temo che ci farà rimpiangere il CaiNano.

Qualche giorno fa a Radio24 ho sentito che il Monti è famoso per aver comminato una Megamulta a Microzozz!
Vero!
Ma non hanno completato l’informazione, infatti fino a tutto il 24 Aprile di quest’anno Microzozz NON HA PAGATO QUELLA MULTA E CREDO CHE MAI LA PAGHERA’.

Federal Reserve, BCE, Banca d’ITALIA???

Oggi, un meraviglioso CARTONE ANIMATO.

Beh, mi spiace per chi non sa una parola di inglese e dovrà leggerlo,

ma vi GARANTISCO che ne vale la pena.


… Bene attenti al passaggio verso il minuto 24 !

E vi sarà più chiaro il motivo per il quale il Signor OBAMA stia deludendo le attese

di quanti speravano fosse “la Svolta epocale”.

Beh, GODETEVI I VOSTRI RISPARMI 😉

 

Fonte: nocensura.com

Salvataggi e COGLIONATE propinate via Media.

Salvataggio Euro

Desidero condividere un articolo del Corriere che conferma quanto assersco da anni: viviamo in una BANCOCRAZIA. Ed ora, con la “Lettera di Trichet e Draghi“, ne abbiamo avuto la definitiva ufficializzazione: la Banca Centrale (di proprietà delle Bance centrali Nazionali (a loro volta di proprietà delle BANCHE PRIVATE)) detta l’agenda politica ai FANTOCCI SEDUTI SULLE POLTRONE DORATE.


***Crisi: gli hedge fund scommettono sul recupero dei bond greci

Li comprano ai minimi in attesa del salvataggio di Atene New York, 29 set – La Grecia potrebbe avere difficolta’ a ripagare il suo debito, ma per gli hedge fund l’affare del momento e’ l’acquisto di titoli di stato di Atene. Secondo il New York Times, i bond ellenici vengono attualmente scambiati per meno di 36 centesimi su ogni euro di valore nominale, sperando di registrare significativi profitti nella convinzione che Unione Europea e Fondo Monetario Internazionale non permetteranno il default del Paese. Stando all’accordo raggiunto a luglio tra governo greco e banche nazionali (parte integrante del piano salvataggio di Atene), una parte sostanziale dei bond esistenti dovrebbe essere convertita in nuovi titoli a scadenza piu’ lunga che potrebbero essere valutati a 70 centesimi su euro. Per il Times, circa il 30% degli investitori che prenderanno parte allo swap da circa 135 miliardi di euro hanno acquistato i titoli dopo il 21 luglio e non sono quindi i possessori originali (ovvero le grandi banche europee) ma speculatori. Per Otmar Issing, economista tedesco ed ex membro del Board della Banca Centrale Europea, “l’accordo non aiutera’ la Grecia, ma e’ un buon affare per le banche”. Si spiegano cosi’ le difficolta’ incontrate dal cancelliere tedesco Angela Merkel nel convincere il parlamento ad approvare il piano di salvataggio greco: i politici sono preoccupati dalla reazione dei loro elettori. Issing crede che una soluzione migliore sarebbe quella di obbligare i possessori attuali di debito greco ad accollarsi svalutazioni dei titoli in loro possesso fino al 50% in modo da ridurre il peso del debito greco, permettendo ad Atene di far fronte ai suoi obblighi.

E, se credete di poter mettere al riparo i VOSTRI spiccioli….

LingottiNotizia che NON TROVERETE nei canali del NEO Istituo Luce (RaiSet)


Francia:proibite compravendite di oro e di argento sopra i 600 $

LEuropa si attiva per impedire ai suoi cittadini di difendere i propri beni
Le Banche Centrali sono plausibilmente così preoccupate del crescente numero di cittadini che si disfano di denaro contante in rapida svalutazione e che cercano di preservare i propri risparmi acquistando metalli preziosi, che i governi stanno ora bloccando gli acquisti anonimi di oro e di argento.

Set 17, 2011 - Economia, Finanza, Fisco, Giustizia    No Comments

Fisco sempre più iniquo con i più deboli

Siete una persona onesta che cerca, nonostante tutto, di mettersi in regola con quanto rpevisto dalla legge?
Beh, con la nuova manovra è in arrivo un’altro tentativo di FARVI DESISTERE. 
Fisco Iniquo

Manovra finanziaria e regime dei minimi: che cosa cambia

L’abolizione del regime fiscale per i contribuenti minimi, stabilito dall’ultima Finanziaria ormai legge,dimostra ancora una volta come scelte importanti prese nel “solo interesse del paese”, siano in realtà iniziative che testimoniano come il legislatore non conosca (o faccia finta di non conoscere) il paese in cui vive.

Proviamo a dimostrarlo.
Immaginiamo un architetto sopra i 35 anni, titolare di partita iva dal 2007 ,in possesso dei requisiti di contribuente minimo e  che attualmente possa contare su un reddito lordo annuo pari a 15.000,00 €. Molto probabilmente emetterà dodici fatture a cadenza mensile di 1250,00 € al suo “unico cliente”. Considerando l’attuale regime dei contribuenti minimi, proviamo a fare due conti in tasca al nostro amico. Bisognerà detrarre il 20% (aliquota sostitutiva IVA,IRPEF,IRAP e addizionali locali), il 12,5% per il contributo soggettivo inarcassa,365,00€ per il contributo integrativo minimo e 74,00€ per il contributo maternità. La retribuzione netta annuale sarà di 9686,00€ pari a 807,17€ mensili. Il tutto ,ovviamente, senza ferie, malattie, permessi, TFR e quant’altro.
Potremmo fermarci qui e discutere su come sia possibile vivere, o avere prospettive di vita con tali risorse, o sul perché il lavoro subordinato, che gran parte di noi svolge presso gli studi professionali, non debba essere regolamentato dal CCNL per i dipendenti degli studi professionali così come avviene negli altri settori lavorativi. Ma la Finanziaria incombe e quindi non divaghiamo. Con il passaggio al regime ordinario i conti in tasca del nostro amico cambiano. Al reddito di 15000 € sarà prima aggiunta e poi sottratta (in sede di versamento) la quota IVA pari al 20% e quindi 3000,00€. Inoltre vanno detratte:
IRPEF (23,0%): 3450,00€
Addizionale IRPEF (esempio Napoli 0,5%): 75,00€
Contributo soggettivo Inarcassa (12,5%): 1875,00€
Contributo minimo integrativo: 365,00€
Contributo maternità: 74,00€
Con una retribuzione annua di 9161,00 € pari a 763,42 € mensili.
In definitiva si avrà una perdita annuale di 525,00€ pari a 43,75 € mensili (-5,7%).
L’incidenza sembra minima, ma considerando anche l’applicazione degli studi di settore, non c’è da essere allegri. Inoltre i colleghi giovani che usufruiranno dell’aliquota sostitutiva del 5% per 5 anni potranno chiedere retribuzioni scontatissime falsando inevitabilmente il mercato. Provate a sostituirvi al nostro amico e simulate la vostra situazione. Buon divertimento.

Fonte: ivaseipartita.it

Si stanno rompendo i coglioni anche gli sceriffi??

poliziottiIl sindacato di polizia contro la Casta: “Veniamo in Senato e spariamo i lacrimogeni”

E alla fine anche tra le forze dell’ordine comincia a  serpeggiare la rabbia contro la Casta. Un comunicato di fuoco del Coisp, inviato sotto Ferragosto al ministro Maroni e oggi reso pubblico, sta allarmando il mondo politico e i giornali di destra, Dagospia grida al golpe, “Il Giornale” parla di “minaccia”. La denuncia dei poliziotti, in particolare, è contro i  privilegi dei parlamentari, a partire dal menu del Senato. Ecco un passaggio del comunicato stampa del Coisp : “I poliziotti invece – recita il comunicato -guadagnano mediamente 1500 euro  al mese, che raggiungono faticosamente includendovi l’indennità di servizio esterno, i turni festivi e notturni e qualche ora di lavoro straordinario, quando viene  pagata; quasi nessuno gode del privilegio della seconda casa, o meglio ancora di qualcuno che gli paghi, per anni, il mutuo della prima senza accorgersene; paga il biglietto  del treno e dell’aereo, il pedaggio autostradale, l’entrata al cinema e allo stadio, il ticket sanitario per se stesso e per i suoi familiari e si veste come può e dove può, facendo i conti al centesimo  “per far passare la nottata”. Ha però diritto ad un buono pasto di euro 7 che bastano a malapena a coprire la consumazione di un panino imbottito, accompagnato da una bibita e da un caffè, in quanto per le lamelle di spigola con radicchio e mandorle deve spendere almeno 22  euro, con la conseguenza che i 19 euro di differenza tra quanto pagato da  un Senatore ed il corrente prezzo di mercato della spigola viene pagato dai contribuenti, poliziotti inclusi”. Un comunicato durissimo che ad un certo punto recita: “Viene voglia di venire sotto Palazzo Madama e Montecitorio,  magari il giorno di ferragosto, e spararvici all’interno i nuovi lacrimogeni in dotazione così si coglierebbero due piccioni con una fava, ovvero si otterrebbe lo sgombero immediato di certi ristoranti da politici mediocri e si testerebbero su quest’ultimi gli effetti dei nuovi artifici lacrimogeni in dotazione alle forze di Polizia, la cui lesività nonostante le numerose interpellanze parlamentari, è sempre stata tenuta nascosta da Lor Signori. L’ultimo passaggio-denuncia di questo documento è il più inquietante, il Coisp parla infatti di lesività dei lacrimogeni che viene nascosta dal governo anche alle forze di polizia. Su questo ci sarebbe da approfondire.

Fonte: letteraviola.it
Set 2, 2011 - Cronaca, Ecologia, sport    No Comments

Il Telefono, la TUA voce….

Quartucciu, colpito al petto dal suo fucile Muore cacciatore, distratto da cellulare?… anzi, quella degli animalisti!

Quartucciu, colpito al petto dal suo fucile Muore cacciatore, distratto da cellulare?

Sarebbe stato tradito da una telefonata al cellulare, l’ultimo gesto della sua vita, il cacciatore Maurizio Tasini, 40 anni, di Cagliari, morto questa mattina all’alba perché raggiunto dai colpi della propria doppietta al fianco sinistro mentre si trovava nelle campagne di Quartucciu.
    I carabinieri che sono giunti sul luogo dell’incidente hanno accertato che il fucile era privo di sicura, pronto per sparare contro le prede autorizzate per la prima giornata venatoria. Sotto il corpo dell’uomo, che è stato rimosso dopo l’autorizzazione del magistrato, è stato trovato il suo cellulare. Sarebbe stata un’ultima chiamata al telefonino a causare forse la disattenzione nel cacciatore, che ha poggiato sulla propria sinistra l’arma dalla quale sono partiti i due colpi risultati fatali.
L’allarme è stato dato da alcuni cacciatori che, sentito il colpo, hanno trovato il cadavere e chiamato i carabinieri. Il magistrato ha disposto la perizia necroscopica. che verrà effettuata domani sera all’Istituto di medicina legale del Policlinico di Monserrato, dove la salma è stata trasferita su disposizione del magistrato.
Si tratta del primo incidente di caccia della stagione venatoria appena cominciata.


Natura – Cacciatori 1-0

Fonte: unionesarda.it

Politici afflitti da spese pasti.

L’invito della Rete che diffonde tra commenti ironici il menu dei senatori

MILANO -«Andiamo a mangiare tutti lì?». L’«onorevole» menu spopola su Internet. Che i pranzi dei nostri politici facessero invidia, come costo s’intende, alle mense francescane si sapeva da tempo. Eppure fa una certa impressione vedere stampati nero su bianco, anzi blu su giallo, gli euro che i senatori (ma anche i giornalisti parlamentari) sono «costretti» a sborsare al ristorante di Palazzo Madama. Qualche esempio? Un piatto di spaghetti alle alici: 1 euro e 60 centesimi. Avete ancora fame? E allora buttatevi sul fresco pesce spada alla griglia, tanto bastano solo tre (3!) euro e 55. La realtà di lusso, simile situazione anche a Montecitorio, è stata svelata dal deputato dell’Idv Carlo Monai, attraverso il settimanale l’Espresso.

I COMMENTI – Ora però ci pensa la Rete a scherzarci sopra: «Un po’ troppo caro per le mie tasche…». I commenti ironici e gli sfottò si sprecano: «Chissà se ai peones come me è possibile abbonarsi. Tre persone con meno di € 100 mensili mangiano ben serviti! Se po’ fa!». In tempo di nuove misure economiche e di sacrifici per tutti c’è chi invoca la mannaia e chi fa notare che «ad integrare la differenza ovviamente ci pensano le tasse dei cittadini» (siamo in attesa della risposta dell’ufficio stampa, ndr). E non manca chi vuole investigare: «Lo scandalo sarà conoscere l’integrazione a carico del Senato. Chi è a conoscenza dei prezzi, li pubblichi ed allora potremo veramente indignarci!». Ma c’è anche chi non accetta il confronto: «Per un panino, una bottiglietta d’acqua e un caffè non spendo mai meno di 6 euro. Ma un po’ di vergogna non l’avete?». La Rete, con il suo carattere irriverente e dissacratorio, ha fatto centro ancora una volta. Quella carta, in pochi minuti, è diventata cento, mille, diecimila menu. E replicato impietosamente a futura memoria. Portandosi un dubbio perenne: «Ma non sarà troppo pagare 52 centesimi per pane e servizio di camerieri in livrea?».

LA RETROMARCIA DEL SENATO – Una volta ancora, però, la Rete si fa sentire anche nei palazzi del potere. Nel pomeriggio di giovedì, l’ufficio stampa del Senato ha annunciato «che in sede di approvazione del bilancio interno è stato approvato un ordine del giorno specifico (G100) che intende porre a carico degli utenti del ristorante del Senato il costo effettivo dei pasti consumati». Della cosa si è interessato il presidente del Senato, Renato Schifani in persona, che «ha già invitato i senatori questori ad assumere nel più breve tempo possibile tutte le necessarie iniziative e decisioni».

Fonte: corriere.it
Pagine:«12345678910...27»