Set 13, 2008 - Politica    2 Comments

Mafia & Politica

Carlo LucarelliNon posso esimermi dal richiamare l’attenzione su una nuova puntata di Blu Notte splendido e già citato programma di RaiTre presentato da Carlo Lucarelli riguardante l’interccio tra Mafia & politica.

Amintore Fanfani, Giulio Andreotti, Salvo Lima, Vito Cinacimino, Marcello Dell’Utri, Silvio Berlusconi, Calogero Mannino, Totò Cuffaro.
I “protagonisti” di questa interessante puntata che, senza spunti ideologici, si affida solo a quanto dimostrato dalla storia e dei processi. Alcuni ancora solo in primo grado, altri non verranno MAI applicati. Certo, molte cose oramai le conosciamo già, altre le abbiamo sempre sapute. Lucarelli ricorda una frase dello stesso Andreotti: “a parte le guerre puniche, mi hanno accusato di tutto” con quell’aria da clero-massone, l’uomo più potente d’Italia degli ultimi 60 anni. Talmente potente, che venne assassinato il giornalista Pecorelli solo perchè poteva pubblicare notizie “imbarazzanti” ma SENZA CHE LUI NE SAPESSE NULLA. Così, giusto a titolo di favore.

Beh, che dire…
… state in linea perchè appena rimedio il video provvederò a postarlo per quanti non avessero avuto la fortuna di seguirlo ieri notte.



Ritengo importante la corretta precisazione fatta dal Procuratore Caselli in merito alla Sentenza di assoluzione del processo a Giulio Andreotti:
3) gli episodi considerati dalla Corte palermitana come dimostrativi della partecipazione al sodalizio criminoso sono stati accertati in base a valutazoni e apprezzamenti di merito espressi con motivazioni non manifestamente irrazionali e prive di fratture logiche o di omissioni determinanti; 4) avendo ritenuto cessata nel 1980 la assunta partecipazione nel sodalizio criminoso, correttamente il giudice di appello è pervenuto alla statuizione definitiva senza considerare e valutare unitariamente il complesso degli episodi articolatisi nel corso dell’intero periodo indicato nei capi d’imputazione; 5) le statuizioni della Corte di Appello concernenti l’insussistenza di una delle circostanze aggravanti contestate e la teorica concedibilità delle circostanze attenuanti generiche non hanno formato oggetto di impugnazione specifica e, quindi, sono passate in giudicato, precludendo qualsiasi ulteriore indagine perché la cessazione della consumazione del reato nel 1980 ne ha determinato la prescrizione.
Il Procuratore Caselli, infatti, tende a precisare che tale sentenza dichiara che fino al 1980 si è dimostrato il sodalizio criminoso del senatore a vita Andreotti, ma che, ORAMAI PRESCRITTO non sarà oggetto di procedimento. Poi, il senatore (che siede nei banchi dell’OPPOSIZIONE) ha cambiato amicizie e si è messo a fare il bravo evitando di frequentare le cattive amicizie e rinunciando ai vantaggi ottenuti fino a quel dì.
??? E’ credibile???
Credo importante riportare un interessante video pubblicato su Youtube:

Mafia & Politicaultima modifica: 2008-09-13T14:22:00+02:00da geoline
Reposta per primo quest’articolo

2 Commenti

  • ma potranno fare anche centomila puntate così,ma tanto non è che dicano qualcosa di nuovo che noi sopratutto del sud non ne siamo a conoscenza!
    per quanto riguarda andreotti,lo ritengo un processo inutile,vista l’età che lo avrebbe fatto rimanere a casa anche se colpevole e visti i soldi dei poveri consumatori spesi per questo processo durato anche troppo secondo il mio punto di vista.

  • Verissimo.
    Ma per questo dovremmo subire passivamente?
    Io NON voglio morire schiavo!!

    E VOI??

Lascia un commento