Browsing "Informatica"

Chi usa Facebook avvelena anche te. Digli di smettere

Tratto dal Blog di Paolo Attivissimo:

Niente di personale, F., e grazie per i complimenti, ma se usi un’applicazione che mi obbliga ad abbassare le mie difese e permettere agli altri di farsi i fatti miei per poterti rispondere, non ti risponderò.

Seriamente? C’è un’applicazione per Facebook che ti permette di rispondere a chi la usa soltanto se cambi le tue impostazioni in modo da consentire agli amici (quali? Tutti?) che usano le applicazioni (quali? Tutte?) di vederti online? E che mi chiede serenamente “Vuoi consentire agli amici che usano altre applicazioni di vederti online?” e magari pretende che io risponda con un disinvolto clic su Consenti?

Dov’è il pulsante Mavaff in Facebook?

Aggiornamento (2012/08/09 00:10) – La persona che mi ha inviato il messaggio in chat su Facebook mi ha contattato via mail  mi ha spiegato che ha inviato il messaggio “attraverso Skype che si collega all’account facebook”. Se usate quest’applicazione, tenete presente quali sono le sue conseguenze per chi riceve i vostri messaggi.

Fonte: attivissimo.blogspot.it

Così Facebook spia le vostre chat e i vostri messaggi privati

 

facebook grande fratello spione

Le conversazioni private tra gli utenti di Facebook vengono analizzate da un algoritmo in grado di identificare e prevenire possibili reati in base alle parole che vengono scambiate.

L’algoritmo è studiato in modo da identificare un possibile messaggio criminale o eventuali piani per attentati alla sicurezza pubblica. Le conversazioni ritenute sospette vengono inoltrate alle forze dell’ordine Usa, e questo sta sollevando polemiche per quanto riguarda la privacy.

Nessuno al momento è in grado di stabilire quanto sia preciso l’algoritmo e quali siano le parole in grado di farlo entrare in azione e segnalare le conversazioni «sospette».

Si sa comunque che il codice controlla tutti gli utenti che non sono considerati «chattatori abituali». Il social network ha fatto sapere che le chat saranno consegnate ai tribunali e alle forze dell’ordine che ne fanno richiesta solo sulla base di reale necessità e consistenza degli indizi.

Fonte: unita.it

Nonostante non piaccia ai diversamente onesti…..

 

 

eBayAbuse is Back!eBayAbuse is Back!


Giovedì 7 Giugno 2012

Siamo di nuovo online, nonostante i farabutti che ci vogliono fuori dal web, nonostante eBay che li sponsorizza, nonostante lo Stato che gli permette di far scempio della Legge e disporre a proprio piacemento del web italiano. A breve rimetteremo online i nostri soliti contenuti ma, nel frattempo, fai attenzione quando compri su eBay.it: è il più grande sito di truffe online d’Europa. La piattaforma italiana è praticamente controllata da gruppi di truffatori professionali che godono della ‘simpatia’ di personale dell’Assistenza che li appoggia in ogni modo: se non sei esperto, le probabilità di acquistare su eBay senza restare truffato sono veramente scarse.

Aggiornamento ore 13:
In attesa di tornare online con il nostro solito dominio, stiamo estendendo una rete di presenze che faranno da mirror ai contenuti di eBayabuse, in maniera da garantirne la presenza anche se il sito madre finisce offline. Abbiamo anche attivato un solido sistema di RSS ed entro stasera saremo massicciamente presenti su wordpress.com, blogspot.com, twitter e facebook con un fanclub. Se qualcuno vuole dare una mano può contattare mirror.ebayabuse@gmail.com


 




Aggiornamento 8 Giugno 2012:


Nuovamente raggiungibile.

 

 

 


Per quanti avessero difficoltà, di seguito l’elenco dei mirror dai quali poter accedere al servizio:


C’è un malware che vive nella RAM

Un tipo di attacco eseguito senza installare file, direttamente nella memoria RAM. Può sfuggire all’antivirus ma non al riavvio

    Roma – I ricercatori di Kaspersky Labs mettono in guardia gli utenti da una nuova e insidiosa generazione di malware che non installa alcun file sul disco rigido, limitandosi a sfruttare la memoria volatile della RAM. Con questo stratagemma è possibile aggirare la protezione della maggior parte degli antivirus.

    L’exploit “fileless” resta invisibile perché lavora all’interno di un processo di fiducia sfruttando una nota vulnerabilità Java (CVE-2011-3544) che può colpire indipendentemente utenti Windows e Mac OS. Dopo aver rubato tutti i privilegi dell’utente, il malware inietta un trojan direttamente nel processo javaw.exe, per poi connettersi alla botnet associata.

    Gli esperti di sicurezza informatica hanno esaminato un attacco anomalo, diffuso tramite banner pubblicitari russi, e hanno perso diverso tempo per identificare il meccanismo d’infezione. Anche se si parla di una vera rarità nel campo dei malware, Kaspersky consiglia di installare la patch per la falla Java: unico metodo affidabile per prevenire l’infezione.Un codice malevolo eseguito soltanto con la forza della RAM non può ovviamente sopravvivere ad un riavvio della macchina. Ma nel caso, piuttosto probabile, in cui la vittima continui a tornare sulle pagine del sito infetto, il processo potrà sempre ripartire da capo.

Roberto Pulito

Fonte: puntoinformatico.it
Mar 5, 2012 - Informatica, Internet, Truffe    No Comments

Frode informatica con logo GdF: Allarme spamming 2.0

Frode Guardia di Finanza

Già da tempo gira una frode che sfrutta il logo della Guardia di Finanza.
Gli utenti vengono avvisati del fatto che, trovati in possesso di materiale pedo-pornografico, gli è stato bloccato il PC.
Si invitano quindi a pagare 100 euro per lo sblocco.
Due considerazioni devono essere fatte:
– il reato di possesso e traffico di materiale pedo-pornografico è un reato gravissimo, credete che vi avviserebbero, consentendovi di sbarazzarvene per tempo?
– credete davvero che per un reato del genere, un’ammenda da 100 euro risolverebbe il problema?
Bene, ciòpremesso è del tutto evidente anche ai meno esperti il fatto che si tratti di una trappola che fa affidamento sulla scarsa scolarizzazione informatica dell’utente medio.
Tanti, forse TROPPI hanno chiamato la Guardia di Finanza per chiedere informazioni cha hanno spinto la GdF a pubblicare sul Sito Ufficiale le istruzioni per la rimozionedella falsa pagina che appare all’avvio del PC vittima della frode.

Tratto dal sito ufficiale della GdF:
Una nuova frode telematica si sta diffondendo sfruttando il logo istituzionale della Guardia di Finanza.
Decine di utenti hanno visto apparire, sullo schermo del computer,  un avviso web firmato Guardia di Finanza con il quale si comunica che il computer è stato bloccato e si invita l’utente a versare la somma di € 100,00 per ripristinarne la funzionalità.
Altri utenti hanno ricevuto al proprio indirizzo di posta elettronica, una e-mail nella quale venivano richieste informazioni personali.
Invitiamo chiunque ricevesse un avviso del genere, di non pagare.
Coloro che sono caduti “nella trappola”, pagando la somma, sono pregati di segnalare quanto accaduto al più vicino Reparto della Guardia di Finanza.

Istruzioni per la rimozione del virus
Finta pagina web
Finto modulo

Oggi, chiamato per risolvere questo problema, scopro che i pirati si sono evoluti!
Infatti, fino a qualche mese fa, seguendo le istruzioni pubblicate dalla GdF si risolveva il problema, adesso NON PIU’!
O per lo meno, ne gira UNA VERSIONE 2.0 che, anzichè posizionare il file WPBTO.dll nella cartella Esecuzione automatica, scopro che il nome è cambiato in msdubmnax.exe
e che viene messo in:
C:Documents and SettingsAll UsersLocal SettingsTempmsdubmnax.exe
Non solo!
Vengono anche modificate le credenziali di gestione nel registro di configurazione, si rende pertanto necessario trovarlo nel registro e modificarne le proprietà di modifica.
Solo così sarà possibile poterlo rimuovere (in modalità provvisoria, ovviamente).

ESATTAMENTE COME GLI ALTRI PARTITI!!

Movimento 5 Stelle03 Febbraio 2012
IL M5S BOLOGNA RESTITUISCE 9293,00 EURO AL COMUNE.

user-picdi MASSIMO BUGANI


Bologna – 

Nel 2011 avevamo a disposizione 12.935 €, ne abbiamo lasciati 9.293 € nelle casse del Comune di Bologna. Ma questo non l’abbiamo fatto per voler fare gli eroi o per volere un applauso, semplicemente abbiamo speso solo per cose necessarie al nostro lavoro e non abbiamo pensato nemmeno un secondo a come spendere il resto dei soldi. “Se ci avanza qualcosa lo lasciamo al Comune” ci siamo detti a giugno, e al Comune abbiamo lasciato più di 9.000 €.

UNA POLITICA CON POCHE RISORSE è POSSIBILE, noi ne siamo la prova.

Federica Salsi, Massimo Bugani, Marco Piazza
Consiglieri Comunali Movimento 5 stelle Bologna
Portavoce dei cittadini
Suggerisco di scaricarvi un volantino e DISTRIBUIRLO agli elettori DEI MORTI chiedendo loro se hanno memoria di un ATTO SIMILE ad opera dei LORO RAPPRESENTANTI!

Fonte: beppegrillo.it/listeciviche

Non sapete dove mettere i risparmi? FRANCHI SVIZZERI!!

Credit Swiss UBSAvete capito che l’€uro è destinato alla scomparsa?

In questi giorni ci hanno preso in giro anche con lo spread! Non è sceso perchè il CaiNano si è tolto dai coglioni, ma perchè è AUMENTATO IL TASSO DI INTERESSE PAGATO DAI BUND! Riducendo così il differenziale.


La Svizzera testimonia che si possono moderare le grandi banche
La Banca Centrale Svizzera ha imposto a UBS e Credit Suisse (i suoi colossi troppo grandi per fallire) una severa cura dimagrante, obbligandoli a liberarsi di attività ad alto rischio e a restringersi, concentrandosi sulla normale attività di credito commerciale e gestione del risparmio.

L’occasione dell’intervento è stato il salvataggio della UBS, che nel 2008 ha ricevuto 6 miliardi di franchi svizzeri (5,2 miliardi di dollari) dallo Stato, e ha messo 60 miliardi di dollari di attivi a rischio presso un fondo garantito dalla Banca Centrale (il Credit Suisse aveva rifiutato l’aiuto pubblico, ed è stata obbligata a cercare capitale fresco, essenzialmente fornito dal fondo sovrano del Qatar).

Al contrario delle altre Banche Centrali (vedi Federal Reserve e BCE) che hanno finanziato a pié di lista le perdite incorse dalle loro banche in speculazioni azzardate senza porre condizioni, la Swiss National Bank ha obbligato UBS e Crédit Suisse a rivolgersi a revisori dei conti indipendenti, che hanno intervistato il personale per capire in che pasticci si erano cacciati per perseguire i loro bonus miliardari. S’è visto che la UBS s’era buttata a corpo morto nei derivati, non solo mantenendo i suoi CDO (Collateralized Debt Obligations, insomma tranches di mutui sub-prime cartolarizzati) con il rating AAA, ma comprandone da altre banche, per poi coprirli con Credit Default Swap.

I revisori indipendenti (che però le banche sotto esame hanno dovuto compensare a loro spese) hanno stilato un rapporto rivelando i dettagli più sanguinosi della speculazione. Questa informazione è stata resa pubblica.

Dopo ciò, la Banca Centrale svizzera ha dato la prima bastonata: forzando le due banche ad alzare la riserva obbligatoria (il cuscinetto di capitale proprio) al 19%, misura senza precedenti che da sola costa alle due banche un 18 miliardi di dollari ciascuna.

Continua su Effedieffe FREE

Agcom parte seconda ….

corrado calabroLa buona fede, qualche giorno fa, mi ha spinto a scrivere un post sugli sviluppi della vicenda censoria dell’agcom.
Oggi, un acuto editoriale su puntoinformatico mi ha fatto riflettere e mi ha moralmente obbligato a riportarne il contenuto.
Avrà mica ragione Massimo Mantellini?


            Roma – Eppure, guardate, la faccenda in fondo è molto semplice. Agcom, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni che nei prossimi giorni secondo i piani dovrebbe diventare il soggetto amministrativo in grado di decidere quali siti web gli italiani potranno vedere e quali dovranno essere censurati per violazione del copyright, ha un solo unico grande problema. È, da sempre e non solo da quando è presieduta da Corrado Calabrò, una autorità senza alcuna autorevolezza.

Il discorso potrebbe chiudersi qui. Possono i cittadini italiani affidare compiti tanto delicati ad un organismo del genere? Una autorità per modo di dire, diretta estensione del potere politico, composta in genere da commissari con modestissime competenze specifiche, che mai, in questi ultimi dieci anni, è riuscita a rappresentare nitidamente l’interesse dei cittadini nella complicata arena dei sistemi di comunicazione. Possiamo fidarci di loro? La risposta è semplicemente no.

Corrado Calabrò ed i commissari Agcom non hanno alcuna autorevolezza per molte ragioni: sono pedine di un potere politico mediamente digiuno delle questioni complicate che riguardano Internet, e assommano due differenti caratteristiche. Da un lato rappresentano un organismo che la politica ha mantenuto debolissimo nelle proprie prerogative di controllo, perché ovviamente nessuno può in Italia anche solo pensare di rappresentare gli interessi dei cittadini dentro l’enorme ventre del potere radiotelevisivo; dall’altro, in questa inedita ultima versione berlusconiana, gli stessi cavalieri di cartone vengono utilizzati come ariete nella lotta alla pirateria in Rete, ovviamente declinata nell’unica maniera nota all’industria dei contenuti, quella secondo la quale gli interessi economici si tutelano con alti muri e colpi di fucile. Dieci anni che questa gente è chiusa in questo loop, dove minaccia legale e intimidazione hanno comodamente sostituito pochezza di idee e modelli economici decotti. Agcom oggi è un inedito piede di porco, in una ipotesi di scenario di tutela dei diritti nella quale nemmeno le truppe servono. Basta un timbro a firma Calabrò a certificare la lista dei presunti cattivi, gli ISP verrano costretti come al solito nel ruolo di forzosi gendarmi e i cittadini, quelli che Agcom dovrebbe tutelare, lasciati senza tutele e garanzie nelle mani dell’esattore di turno, vedranno sospese le proprie prerogative legate allo stato di diritto. E la magistratura? Ah beh quella sostanzialmente non serve, può essere saltata (altro vecchio sogno delle major del disco e del cinema che si concretizza), ce la si sbriga fra noi, a colpi di letterine e velocissime censure. Occhio non vede, cuore non duole.

L’unica cosa cambiata dai tempi della vecchia Agcom, che Giuliano Amato definì non senza ironia una autorità “semi-indipendente”, è che oggi la centralità di Internet è assai più chiara anche fuori da Internet, per esempio dentro i santuari radiotelevisivi come Mediaset, oltre che nelle stanze dei lobbisti del cinema e della musica che tengono la Rete nel mirino da almeno un decennio.

Chiusi in questo refrain il giochetto tentato in Italia è il solito che abbiamo già visto applicato altrove, aggravato da un indecoroso scaricabarile. Prima il sottosegretario alle comunicazioni Paolo Romani (prestato alla politica dopo una non brillantissima carriera nella televisone privata, uno dei tanti che Berlusconi ha spostato di peso dai suoi contatti commerciali dentro il Parlamento) fa approvare un decreto che porta il suo nome che investe Agcom di immensi poteri di controllo sul traffico di Rete, poi Agcom stessa che, in questi giorni di forti critiche, rimanda responsabilità ed oneri per simili spinose questioni al Parlamento stesso. È la gag del “È stato lui!”, “No, è stato lui”, fra due soggetti che sono di fatto la stessa persona.

Quale autorevolezza può avere una autorità che ha come ultimo commissario nominato un ex-dirigente di Publitalia? Davvero Antonio Martusciello riceve uno stipendio da quelle parti per difendere i miei interessi dei cittadino? Quale autorevolezza può vantare Corrado Calabrò che nella recente relazione annuale ha dichiarato che i diritti degli autori sono diritti di proprietà? Ma stiamo scherzando? Quale Agcom potrà mai essere la mia Agcom se il relatore del provvedimento sul copyright Nicola D’Angelo, l’unico fra i commissari con qualche competenza sulle cose di Rete, è stato allontanato silenziosamente dal suo incarico perché non sufficientemente allineato?

E ancora, di quale dialogo fra Agcom e la Rete stiamo parlando in questi giorni? Basta leggere le risposte dei commissari Agcom pubblicate in giro, o le stizzite repliche di Calabrò e di Enzo Mazza della FIMI (perdonami Enzo ma hai torto) all’articolo sacrosanto che Juan Carlos De Martin ha scritto su La Stampa per capire che non ci sono audizioni da fare o dialoghi costruttivi da tentare.

Diciamolo chiaramente: questi signori, per loro natura e mandato, sono semplicemente inadatti a rappresentare i cittadini in tematiche del genere. Non ne hanno gli strumenti né tantomeno la voglia. Diradando la nebbia delle parole, delle tante frasettine di cortesia e di tutto il bagaglio sterile dei diritti e dei doveri ovunque citati, Agcom è mediamente un signor nessuno che in questo caso fa da paravento alle esigenze degli industriali dei contenuti che, d’accordo con il Governo in carica (per ragioni di interesse che sono evidenti anche ad un lattante), hanno costruito un giochetto per poter controllare la Rete e salvare i propri amati contenuti a colpi di ingiunzioni e processi sommari saltando il controllo della magistratura.

Ovviamente non funzionerà, come non funziona la disciplina dei tre colpi in Francia e come è stata infine bocciata una ipotesi simile in Spagna, ma questo è un altro discorso. Il discorso di oggi è assai più elementare: Corrado Calabrò e i suoi commissari della Authority senza autorevolezza non rappresentano gli interessi dei cittadini italiani. Non ne hanno titolo, lo hanno dimostrato più e più volte. Qualsiasi loro decisione per nostro conto, semplicemente, non vale niente.

Fonte: puntoinformatico.it

 

Feb 25, 2011 - Informatica    4 Comments

Utilizzare stampanti USB in rete

Alice Gate 2 PlusOramai, in tanti ci si è organizzati con una piccola rete domestica. Non foss’altro, per condividere la connessione ad Internet, abbiamo il desktop ed il notebook, il PC della figlia, la Playstation3 per giocare on-line.

Troppo spesso però, anche se non vi è grande interessa per la condivisione dei files, ci si imbatte nel problema della condivisione della stampante.

La soluzione più utilizzata è quella di connetterla al PC desktop (che rimane acceso più degli altri) e condividerla per poterla utilizzare anche dal notebook. In molti conoscono anche l’opzione dell’utilizzo dei “Printserver”, scatolotti adattatori di rete che consentono di assegnare un indirizzo IP alla nostra stampante, condividendola in rete senza che il Desktop summenzionato rimanga necessariamente acceso anche quando non ci serve (con aggravio di spese per il conto energetico, ovviamente).

In tanti invece NON SANNO che alcuni clienti di Alice, dotati del modem ADSL Alice Gate VoIP 2 Plus Wi-Fi possono ovviare al problema proprio grazie al modem/Router in quanto alcuni sono dotati di una porta USB Master per il collegamento di periferiche USB (stampanti, pen-drive, chiavette Internet) appunto da condividere tra i computer della tua rete.

Prima di tutto, verificare che sia presente la porta USB Master nel vostro Router, altrimenti non vi serve allo scopo.

Beninteso, chi mi segue ed ha letto i miei post sà bene quanto mi stia sui coglioni Telecozz e tutto il carrozzone dal momento in cui ha cambiato nome da SIP a Telecom e il Sig. Prodi l’ha svenduta agli amici suoi, e quindi questo post NON HA ASSOLUTAMENT EL’INTENZIONE DI FARE NESSUNA PUBBLICITA’ all’azienda in questione, ma, la serietà (che ritengo un valore) mi impone di riconoscere un pregio ed un buon servizio anche quando provenga da fonti a dir poco antipatiche.

Ciòpremesso, riporto (dal sito ufficiale) le istruzioni per procedere alla condivisione di una stampante USB tra i computer della nostra rete.

Ho riportato le sezioni riguardanti XP e Vista (a brevissimo lo testerò con Win7 e posterò i risultati).


Per collegare una stampante USB al modem e renderla disponibile ai terminali connessi in LAN segui la procedura sottoriportata:

  • collega lastampante alla porta USB del computer;
  • inserisci il CD d’installazione della stampante e segui rigorosamente le indicazioni per l’installazione;
  • al termine dell’installazione stampa un documento di prova per assicurarti che il PC e la stampante siano correttamente configurati;
  • collega ora il cavo USB della stampante alla porta USB master
    posta sul retro del modem come mostrato in figura:

Dopo aver collegato la stampante USB al modem Alice accedi alla configurazione del modem come indicato di seguito:

  • clicca sull’icona Gestione modem Alicepresente sul tuo PC (oppure digita sul browser: http://192.168.1.1 o http://alicegate );
  • clicca sulla voce Porta USB sulla destra della schermata che appare:

  • Dalla schermata successiva seleziona l’opzione Attiva nella sezione USB Print Server:

  • Per confermare le impostazioni premi il pulsante Salva.

Per procedere all’utilizzo della stampante seleziona il tuo sistema operativo.

Il modem ADSL Alice Gate VoIP 2 Plus Wi-Fi è dotato di una porta USB Master per il collegamento di periferiche USB (stampanti, pen-drive, chiavette Internet) che potrai condividere tra i computer della tua rete.

Per collegare una stampante USB al modem e renderla disponibile ai terminali connessi in LAN segui la procedura sottoriportata:

  • collega lastampante alla porta USB del computer;
  • inserisci il CD d’installazione della stampante e segui rigorosamente le indicazioni per l’installazione;
  • al termine dell’installazione stampa un documento di prova per assicurarti che il PC e la stampante siano correttamente configurati;
  • collega ora il cavo USB della stampante alla porta USB master
    posta sul retro del modem come mostrato in figura:

Dopo aver collegato la stampante USB al modem Alice accedi alla configurazione del modem come indicato di seguito:

  • clicca sull’icona Gestione modem Alicepresente sul tuo PC (oppure digita sul browser: http://192.168.1.1 o http://alicegate );
  • clicca sulla voce Porta USB sulla destra della schermata che appare:

  • Dalla schermata successiva seleziona l’opzione Attiva nella sezione USB Print Server:

  • Per confermare le impostazioni premi il pulsante Salva.

Per procedere all’utilizzo della stampante seleziona il tuo sistema operativo.

Stampanti USB – Windows XP

Dopo aver effettuato l’installazione dei driver della stampante sul tuo PC ed aver abilitato la porta USB del modem Alice, procedi come indicato per utilizzare la stampante:

  • Dal menu Start > Esegui del tuo PC e digita l’indirizzo :alicegate o :192.168.1.1 a fianco della voce Apri:

  • Clicca sulla stampante precedentemente installata e premi il pulsante OK alla domanda Connetti alla stampante:

  • Seleziona la marca della stampante nella colonna di sinistra ed il modello nella colonna di destra come mostrato in figura:

Terminata la procedura comparirà la seguente finestra ed è possibile iniziare ad utilizzare la stampante condivisa:

Stampanti USB – Windows Vista

Dopo aver effettuato l’installazione dei driver della stampante sul tuo PC ed aver abilitato la porta USB del modem Alice, procedi come indicato per utilizzare la stampante:

  • Clicca sul pulsante Start del tuo PC e digita l’indirizzo alicegate o 192.168.1.1 nel campo vuoto:

  • Clicca sulla stampante precedentemente installata e premi il pulsante OK alla domanda Connetti alla stampante:

  • Seleziona la marca della stampante nella colonna di sinistra ed il modello nella colonna di destra come mostrato in figura:

Terminata la procedura comparirà la seguente finestra ed è possibile iniziare ad utilizzare la stampante condivisa.

Pagine:1234»