Browsing "Ecologia"
Feb 1, 2013 - Ecologia, Informazione    No Comments

L’acqua elastica per l’addio alla plastica

1_1.jpgUn nuovo materiale atossico, trasparente, altamente flessibile e assolutamente ecologico è stato realizzato dalla Japan Science and Technology Agency (JST). L’Agenzia, nota per l’implementazione delle scienze e della tecnologia nel Paese del Sol Levante, ha dato una forma (gommosa!) all’acqua creando un materiale innovativo e salutato dalla rivista Nature con grande interesse.

L’acqua “elastica”, come soprannominata dai suoi stessi inventori, consiste in un polimero composto per oltre il 95% da molecole di H20 cui vengono aggiunte microscopiche quantità di argilla e di altre sostanze organiche naturali. Il materiale così prodotto risulta essere altamente funzionale a uno sviluppo su larga scala anche per i bassi costi delle materie prime.

L’ “acqua elastica” troverà applicazione (forse proprio a partire dalla fine del 2010) nell’ambito della chirurgia e della medicina grazie all’altissimo grado di affidabilità, flessibilità e alla pressocché totale mancanza del rischio di rigetto. Molto presto, tuttavia, attraverso minime variaziani “dell’impasto”, il materiale potrebbe essere utilizzato anche per usi completamente diversi e più “commerciali” (buste per la spesa, prodotti per la casa, ecc.) scongiurando, però, i problemi tipici di smaltimento dell’odiosa plastica. Del resto, il Giappone aveva già mostrato la propria sensibilità nella questione della riduzione dei rifiuti attraverso, qualche anno fa, il caso di Kamikatsu, il “paese a rifiuti zero”, totalmente privo di inceneritori o discariche ma che attraverso il costante impegno della popolazione locale – ricompensata con dei biglietti della lotteria – garantisce una gestione ottimale dei rifiuti attraverso perfette e diffuse pratiche di riciclaggio e compostaggio…
Fonte originale: http://en.akihabaranews.com

Il raggio che dà energia. Gratis

Marconi ideò un raggio che fermava i mezzi a motore.
Mussolini lo voleva, il Vaticano lo bloccò.
Da quelle ricerche gli scienziati crearono l’alternativa a petrolio e nucleare.
Nel 1999 l’invenzione stava per essere messa sul mercato,

ma poi tutto fu insabbiato


L’energia pulita tanto auspicata dal presidente Obama dopo il disastro ambientale del Golfo del Messico forse esiste già da un pezzo, ma qualcuno la tiene nascosta per inconfessabili interessi economici. Ma non solo. Negli anni Settanta, infatti, un gruppo di scienziati italiani ne avrebbe scoperto il segreto, ma questa nuova e stupefacente tecnologia, che di fatto cambierebbe l’economia mondiale archiviando per sempre i rischi del petrolio e del nucleare, sarebbe stata volutamente occultata nella cassaforte di una misteriosa fondazione religiosa con sede nel Liechtenstein, dove si troverebbe tuttora. Sembra davvero la trama di un giallo internazionale l’incredibile storia che si nasconde dietro quella che, senza alcun dubbio, si potrebbe definire la scoperta epocale per eccellenza, e cioè la produzione di energia pulita senza alcuna emissione di radiazioni dannose.

In altre parole, la realizzazione di un macchinario in grado di dissolvere la materia, intendendo con questa definizione qualunque tipo di sostanza fisica, producendo solo ed esclusivamente calore.

Una scoperta per caso
Come ogni giallo che si rispetti, l’intricata vicenda che si nasconde dietro la genesi di questa scoperta è stata svelata quasi per caso. Lo ha fatto un imprenditore genovese che una decina d’anni fa si è trovato ad avere rapporti di affari con la fondazione che nasconde e gestisce il segreto di quello che, per semplicità, chiameremo «il raggio della morte». E sì, perché la storia che stiamo per svelare nasce proprio da quello che, durante il fascismo, fu il mito per eccellenza: l’arma segreta che avrebbe rivoluzionato il corso della seconda guerra mondiale. Sembrava soltanto una fantasia, ma non lo era. In quegli anni si diceva che persino Guglielmo Marconi stesse lavorando alla realizzazione del «raggio della morte». La cosa era solo parzialmente vera. Secondo quanto Mussolini disse al giornalista Ivanoe Fossati durante una delle sue ultime interviste, Marconi inventò un apparecchio che emetteva un raggio elettromagnetico in grado di bloccare qualunque motore dotato di impianto elettrico. Tale raggio, inoltre, mandava in corto circuito l’impianto stesso, provocandone l’incendio. Lo scienziato dette una dimostrazione, alla presenza del duce del fascismo, ad Acilia, sulla strada di Ostia, quando bloccò auto e camion che transitavano sulla strada. A Orbetello, invece, riuscì a incendiare due aerei che si trovavano ad oltre due chilometri di distanza. Tuttavia, dice sempre Mussolini, Marconi si fece prendere dagli scrupoli religiosi. Non voleva essere ricordato dai posteri come colui che aveva provocato la morte di migliaia di persone, bensì solo come l’inventore della radio. Per cui si confidò con Papa Pio XII, il quale gli consigliò di distruggere il progetto della sua invenzione. Cosa che Marconi si affretto a fare, mandando in bestia Mussolini e gerarchi. Poi, forse per il troppo stress che aveva accumulato in quella disputa, nel 1937 improvvisamente venne colpito da un infarto e morì a soli 63 anni. 
La fine degli anni Trenta fu comunque molto prolifica da un punto di vista scientifico. Per qualche imperscrutabile gioco del destino, pare che la fantasia e la creatività degli italiani non fu soltanto all’origine della prima bomba nucleare realizzata negli Stati Uniti da Enrico Fermi e dai suoi colleghi di via Panisperna; altri scienziati, continuando gli studi sulla scissione dell’atomo, trovarono infatti il modo di «produrre ed emettere sino a notevoli distanze anti-atomi di qualsiasi elemento esistente sul nostro pianeta che, diretti contro una massa costituita da atomi della stessa natura ma di segno opposto, la disgregano ionizzandola senza provocare alcuna reazione nucleare, ma producendo egualmente una enorme quantità di energia pulita».

Tanto per fare un esempio concreto, ionizzando un grammo di ferro si sviluppa un calore pari a 24 milioni di KWh, cioè oltre 20 miliardi di calorie, capaci di evaporare 40 milioni di litri d’acqua. Per ottenere un uguale numero di calorie, occorrerebbe bruciare 15mila barili di petrolio. Sembra quasi di leggere un racconto di fantascienza, ma è soltanto la pura e semplice realtà. Almeno quella che i documenti in possesso dell’imprenditore genovese Enrico M. Remondini dimostrano.

La testimonianza
«Tutto è cominciato – racconta Remondini – dal contatto che nel 1999 ho avuto con il dottor Renato Leonardi, direttore della Fondazione Internazionale Pace e Crescita, con sede a Vaduz, capitale del Liechtenstein. Il mio compito era quello di stipulare contratti per lo smaltimento di rifiuti solidi tramite le Centrali termoelettriche polivalenti della Fondazione Internazionale Pace e Crescita. Non mi hanno detto dove queste centrali si trovassero, ma so per certo che esistono. Altrimenti non avrebbero fatto un contratto con me. In quel periodo, lavoravo con il mio collega, dottor Claudio Barbarisi. Per ogni contratto stipulato, la nostra percentuale sarebbe stata del 2 per cento. Tuttavia, per una clausola imposta dalla Fondazione stessa, il 10 per cento di questa commissione doveva essere destinata a favore di aiuti umanitari. Considerando che lo smaltimento di questi rifiuti avveniva in un modo pressoché perfetto, cioè con la ionizzazione della materia senza produzione di alcuna scoria, sembrava davvero il modo ottimale per ottenere il risultato voluto. Tuttavia, improvvisamente, e senza comunicarci il perché, la Fondazione ci fece sapere che le loro centrali non sarebbero più state operative. E fu inutile chiedere spiegazioni. Pur avendo un contratto firmato in tasca, non ci fu nulla da fare. Semplicemente chiusero i contatti».

Remondini ancora oggi non conosce la ragione dell’improvviso voltafaccia. Ha provato a telefonare al direttore Leonardi, che tra l’altro vive a Lugano, ma non ha mai avuto una spiegazione per quello strano comportamento. Inutili anche le ricerche per vie traverse: l’unica cosa che è riuscito a sapere è che la Fondazione è stata messa in liquidazione. Per cui è ipotizzabile che i suoi segreti adesso siano stati trasferiti ad un’altra società di cui, ovviamente, si ignora persino il nome. Ciò significa che da qualche parte sulla terra oggi c’è qualcuno che nasconde il segreto più ambito del mondo: la produzione di energia pulita ad un costo prossimo allo zero.
Nonostante questo imprevisto risvolto, in mano a Remondini sono rimasti diversi documenti strettamente riservati della Fondazione Internazionale Pace e Crescita, per cui alla fine l’imprenditore si è deciso a rendere pubblico ciò che sa su questa misteriosa istituzione. Per capire i retroscena di questa tanto mirabolante quanto scientificamente sconosciuta scoperta, occorre fare un salto indietro nel tempo e cercare di ricostruire, passo dopo passo, la cronologia dell’invenzione. Ad aiutarci è la relazione tecnico-scientifica che il 25 ottobre 1997 la Fondazione Internazionale Pace e Crescita ha fatto avere soltanto agli addetti ai lavori. Ogni foglio, infatti, è chiaramente marcato con la scritta «Riproduzione Vietata». Ma l’enormità di quanto viene rivelato in quello scritto giustifica ampiamente il non rispetto della riservatezza richiesta.

Il «raggio della morte», infatti, pur essendo stato concepito teoricamente negli anni Trenta, avrebbe trovato la sua base scientifica soltanto tra il 1958 e il 1960. Il condizionale è d’obbligo in quanto riportiamo delle notizie scritte, ma non confermate dalla scienza ufficiale. Non sappiamo da chi era composto il gruppo di scienziati che diede vita all’esperimento: i nomi non sono elencati. Sappiamo invece che vi furono diversi tentativi di realizzare una macchina che corrispondesse al modello teorico progettato, ma soltanto nel 1973 si arrivò ad avere una strumentazione in grado di «produrre campi magnetici, gravitazionali ed elettrici interagenti, in modo da colpire qualsiasi materia, ionizzandola a distanza ed in quantità predeterminate».

Ok dal governo Andreotti
Fu a quel punto che il governo italiano cominciò ad interessarsi ufficialmente a quegli esperimenti. E infatti l’allora governo Andreotti, prima di passare la mano a Mariano Rumor nel luglio del ’73, incaricò il professor Ezio Clementel, allora presidente del Comitato per l’energia nucleare (Cnen), di analizzare gli effetti e la natura di quei campi magnetici a fascio. Clementel, trentino originario di Fai e titolare della cattedra di Fisica nucleare alla facoltà di Scienze dell’Università di Bologna, a quel tempo aveva 55 anni ed era uno dei più noti scienziati del panorama nazionale e internazionale. La sua responsabilità, in quella circostanza, era grande. Doveva infatti verificare se quel diabolico raggio avesse realmente la capacità di distruggere la materia ionizzandola in un’esplosione di calore. Anche perché non ci voleva molto a capire che, qualora l’esperimento fosse riuscito, si poteva fare a meno dell’energia nucleare e inaugurare una nuova stagione energetica non soltanto per l’Italia, ma per il mondo intero. Tanto per fare un esempio, questa tecnologia avrebbe permesso la realizzazione di nuovi e potentissimi motori a razzo che avrebbero letteralmente rivoluzionato la corsa allo spazio, permettendo la costruzione di gigantesche astronavi interplanetarie. 
Il professor Clementel ordinò quindi quattro prove di particolare complessità. La prima consisteva nel porre una lastra di plexiglass a 20 metri dall’uscita del fascio di raggi, collocare una lastra di acciaio inox a mezzo metro dietro la lastra di plexiglass e chiedere di perforare la lastra d’acciaio senza danneggiare quella di plexiglass. La seconda prova consisteva nel ripetere il primo esperimento, chiedendo però di perforare la lastra di plexiglass senza alterare la lastra d’acciaio. Il terzo esame era ancora più difficile: bisognava porre una serie di lastre d’acciaio a 10, 20 e 40 metri dall’uscita del fascio di raggi, chiedendo di bucare le lastre a partire dall’ultima, cioè quella posta a 40 metri. Nella quarta e ultima prova si doveva sistemare una pesante lastra di alluminio a 50 metri dall’uscita del fascio di raggi, chiedendo che venisse tagliata parallelamente al lato maggiore.

Ebbene, tutte e quattro le prove ebbero esito positivo e il professor Clementel, considerando che la durata dell’impulso dei raggi era minore di 0,1 secondi, valutò la potenza, ipotizzando la vaporizzazione del metallo, a 40.000 KW e la densità di potenza pari a 4.000 KW per centimetro quadrato. In realtà, venne spiegato a sperimentazione compiuta, l’impulso dei raggi aveva avuto la durata di un nano secondo e poteva ionizzare a distanza «forma e quantità predeterminate di qualsiasi materia».

Tra l’altro all’esperimento aveva assistito anche il professor Piero Pasolini, illustre fisico e amico di un’altra celebrità scientifica qual è il professor Antonino Zichichi. In una sua relazione, Pasolini parlò di «campi magnetici, gravitazionali ed elettrici interagenti che sviluppano atomi di antimateria proiettati e focalizzati in zone di spazio ben determinate anche al di là di schemi di materiali vari, che essendo fuori fuoco si manifestano perfettamente trasparenti e del tutto indenni».

In pratica, ma qui entriamo in una spiegazione scientifica un po’ più complessa, gli scienziati italiani che avevano realizzato quel macchinario, sarebbero riusciti ad applicare la teoria di Einstein sul campo unificato, e cioè identificare la matrice profonda ed unica di tutti i campi di interazione, da quello forte (nucleare) a quello gravitazionale. Altri fisici in tutto il mondo ci avevano provato, ma senza alcun risultato. Gli italiani, a quanto pare, c’erano riusciti.

L’insabbiamento
In un Paese normale (ma tutti sappiamo che il nostro non lo è) una simile scoperta sarebbe stata subito messa a frutto. Non ci vuole molta fantasia per capire le implicazioni industriali ed economiche che avrebbe portato. Anche perché, quella che a prima vista poteva sembrare un’arma di incredibile potenza, nell’uso civile poteva trasformarsi nel motore termico di una centrale che, a costi bassissimi, poteva produrre infinite quantità di energia elettrica.
Perché, dunque, questa scoperta non è stata rivelata e utilizzata? La ragione non viene spiegata. Tutto quello che sappiamo è che i governi dell’epoca imposero il segreto sulla sperimentazione e che nessuno, almeno ufficialmente, ne venne a conoscenza. Del resto nel 1979 il professor Clementel morì prematuramente e si portò nella tomba il segreto dei suoi esperimenti. Ma anche dietro Clementel si nasconde una vicenda piuttosto strana e misteriosa. Pare, infatti, che le sue idee non piacessero ai governanti dell’epoca. Non si sa esattamente quale fosse la materia del contendere, ma alla luce della straordinaria scoperta che aveva verificato, è facile immaginarlo. Forse lo scienziato voleva rendere pubblica la notizia, mentre i politici non ne volevano sapere. Chissà? Ebbene, qualcuno trovò il sistema per togliersi di torno quello scomodo presidente del Cnen. Infatti venne accertato che la firma di Clementel appariva su registri di esame all’Università di Trento, della quale all’epoca era il rettore, in una data in cui egli era in missione altrove. Sembrava quasi un errore, una svista. Ma gli costò il carcere, la carriera e infine la salute. Lo scienziato capì l’antifona, e non disse mai più nulla su quel «raggio della morte» che gli era costato così tanto caro. A Clementel è dedicato il Centro ricerche energia dell’Enea a Bologna.
C’è comunque da dire che già negli anni Ottanta qualcosa venne fuori riguardo un ipotetico «raggio della morte». Il primo a parlarne fu il giudice Carlo Palermo che dedicò centinaia di pagine al misterioso congegno, affermando che fu alla base di un intricato traffico d’armi. La storia coinvolse un ex colonnello del Sifar e del Sid, Massimo Pugliese, ma anche esponenti del governo americano (allora presieduto da Gerald Ford), i parlamentari Flaminio Piccoli (Dc) e Loris Fortuna (Psi), nonché una misteriosa società con sede proprio nel Liechtenstein, la Traspraesa. La vicenda durò dal 1973 al 1979, quando improvvisamente calò una cortina di silenzio su tutto quanto.

Erano comunque anni difficili. L’Italia navigava nel caos. Gli attentati delle Brigate rosse erano all’ordine del giorno, la società civile soffocava nel marasma, i servizi segreti di mezzo mondo operavano sul nostro territorio nazionale come se fosse una loro riserva di caccia. Il 16 marzo 1978 i brigatisti arrivarono al punto di rapire il presidente del Consiglio, Aldo Moro, uccidendo i cinque poliziotti della scorta in un indimenticabile attentato in via Fani, a Roma. E tutti ci ricordiamo come andò a finire. Tre anni dopo, il 13 maggio 1981, il terrorista turco Mehmet Ali Agca in piazza San Pietro ferì a colpi di pistola Giovanni Paolo II.

È in questo contesto, che il «raggio della morte» scomparve dalla scena. Del resto, ammesso che la scoperta avesse avuto una consistenza reale, chi sarebbe stato in grado di gestire e controllare gli effetti di una rivoluzione industriale e finanziaria che di fatto avrebbe cambiato il mondo? Non ci vuole molto, infatti, ad immaginare quanti interessi quell’invenzione avrebbe danneggiato se soltanto fosse stata resa pubblica. In pratica, tutte le multinazionali operanti nel campo del petrolio e dell’energia nucleare avrebbero dovuto chiudere i battenti o trasformare da un giorno all’altro la loro produzione. Sarebbe veramente impossibile ipotizzare una cifra per quantificare il disastro economico che la nuova scoperta italiana avrebbe portato.

Ma queste sono solo ipotesi. Ciò che invece risulta riguarda la decisione presa dagli autori della scoperta. Infatti, dopo anni di traversie e inutili tentativi per far riconoscere ufficialmente la loro invenzione, probabilmente temendo per la loro vita e per il futuro della loro strumentazione, questi scienziati consegnarono il frutto del loro lavoro alla Fondazione Internazionale Pace e Crescita, che l’11 aprile 1996 venne costituita apposta, verosimilmente con il diretto appoggio logistico-finanziario del Vaticano, a Vaduz, ben al di fuori dei confini italiani. In quel momento il capitale sociale era di appena 30mila franchi svizzeri (circa 20mila Euro). «Sembra anche a noi – si legge nella relazione introduttiva alle attività della Fondazione – che sia meglio costruire anziché distruggere, non importa quanto possa essere difficile, anche se per farlo occorrono molto più coraggio e pazienza, assai più fantasia e sacrificio».

   A prescindere dal fatto che non si trova traccia ufficiale di questa fantomatica Fondazione, se non la notizia (in tedesco) che il primo luglio del 2002 è stata messa in liquidazione, parrebbe che a suo tempo l’organizzazione fosse stata costituita in primo luogo per evitare che un’invenzione di quella portata fosse utilizzata solo per fini militari. Del resto anche i missili balistici (con quello che costano) diventerebbero ben poca cosa se gli eserciti potessero disporre di un macchinario che, per distruggere un obiettivo strategico, necessiterebbe soltanto di un sistema di puntamento d’arma.
Secondo voci non confermate, la decisione degli scienziati italiani sarebbe maturata dopo una serie di minacce che avevano ricevuto negli ambienti della capitale. Ad un certo punto si parla pure di un attentato con una bomba, sempre a Roma. Si dice che, per evitare ulteriori brutte sorprese, quegli scienziati si appellarono direttamente a Papa Giovanni Paolo II e la macchina che produce il «raggio della morte» venisse nascosta per qualche tempo in Vaticano. Da qui la decisione di istituire la fondazione e di far emigrare tutti i protagonisti della vicenda nel più tranquillo Liechtenstein. In queste circostanze, forse non fu un caso che proprio il 30 marzo 1979 il Papa ricevette in Vaticano il Consiglio di presidenza della Società Europea di Fisica, riconoscendo, per la prima volta nella storia della Chiesa, in Galileo Galilei (1564-1642) lo scopritore della Logica del Creato. Comunque sia, da quel momento in poi, la parola d’ordine è stata mantenere il silenzio assoluto.

Le macchine del futuro
Qualcosa, però, nel tempo è cambiata. Lo prova il fatto che la Fondazione Internazionale Pace e Crescita non si sarebbe limitata a proteggere gli scienziati cristiani in fuga, ma nel periodo tra il 1996 e il 1999 avrebbe proceduto a realizzare per conto suo diverse complesse apparecchiature che sfruttano il principio del «raggio della morte». Secondo la loro documentazione, infatti, è stata prodotta una serie di macchinari della linea Zavbo pronti ad essere adibiti per più scopi. L’elenco comprende le Srsu/Tep (smaltimento dei rifiuti solidi urbani), Srlo/Tep (smaltimento dei rifiuti liquidi organici), Srtp/Tep (smaltimento dei rifiuti tossici), Srrz/Tep (smaltimento delle scorie radioattive), Rcc (compattazione rocce instabili), Rcz (distruzione rocce pericolose), Rcg (scavo gallerie nella roccia), Cls (attuazione leghe speciali), Cen (produzione energia pulita).
A quest’ultimo riguardo, nella documentazione fornita da Remondini si trovano anche i piani per costruire centrali termoelettriche per produrre energia elettrica a bassissimo costo, smaltendo rifiuti. C’è tutto, dalle dimensioni all’ampiezza del terreno necessario, come si costruisce la torre di ionizzazione e quante persone devono lavorare (53 unità) nella struttura. Un’intera centrale si può fare in 18 mesi e potrà smaltire fino a 500 metri cubi di rifiuti al giorno, producendo energia elettrica con due turbine Ansaldo.

C’è anche un quadro economico (in milioni di dollari americani) per calcolare i costi di costruzione. Nel 1999 si prevedeva che una centrale di questo tipo sarebbe costata 100milioni di dollari. Una peculiarità di queste centrali è che il loro aspetto è assolutamente fuorviante. Infatti, sempre guardando i loro progetti, si nota che all’esterno appaiono soltanto come un paio di basse palazzine per uffici, circondate da un ampio giardino con alberi e fiori. La torre di ionizzazione, dove avviene il processo termico, è infatti completamente interrata per una profondità di 15 metri. In pratica, un pozzo di spesso cemento armato completamente occultato alla vista. In altre parole, queste centrali potrebbero essere ovunque e nessuno ne saprebbe niente.

Da notare che, secondo le ricerche compiute dalla International Company Profile di Londra, una società del Wilmington Group Pic, leader nel mondo per le informazioni sul credito e quotata alla Borsa di Londra, la Fondazione Internazionale Pace e Crescita, fin dal giorno della sua registrazione a Vaduz, non ha mai compiuto alcun tipo di operazione finanziaria nel Liechtenstein, né si conosce alcun dettaglio del suo stato patrimoniale o finanziario, in quanto la legge di quel Paese non prevede che le Fondazioni presentino pubblicamente i propri bilanci o i nomi dei propri fondatori. Si conosce l’indirizzo della sede legale, ma si ignora quale sia stato quello della sede operativa e il tipo di attività che la Fondazione ha svolto al di fuori dei confini del Liechtenstein. Ovviamente mistero assoluto su quanto sia accaduto dopo il primo luglio del 2002 quando, per chissà quali ragioni, ma tutto lascia supporre che la sicurezza non sia stata estranea alla decisione, la Fondazione ufficialmente ha chiuso i battenti.

Ancora più strabiliante è l’elenco dei clienti, o presunti tali, fornito a Remondini. In tutto 24 nomi tra i quali spiccano i maggiori gruppi siderurgici europei, le amministrazioni di due Regioni italiane e persino due governi: uno europeo e uno africano. Da notare che, in una lettera inviata dalla Fondazione a Remondini, si parla di proseguire con i contatti all’estero, ma non sul territorio nazionale «a causa delle problematiche in Italia». Ma di quali «problematiche» si parla? E, soprattutto, com’è che una scoperta di questo tipo viene utilizzata quasi sottobanco per realizzare cose egregie (pensiamo soltanto alla produzione di energia elettrica e allo smaltimento di scorie radioattive), mentre ufficialmente non se ne sa niente di niente?

Interpellato sul futuro della scoperta da Remondini, il professor Nereo Bolognani, eminenza grigia della Fondazione Internazionale Pace e Crescita, ha detto che «verrà resa nota quando Dio vorrà». Sarà pure, ma di solito non è poi così facile conoscere in anticipo le decisioni del Padreterno. Neppure con la santa e illustre mediazione del Vaticano.

Fonte: ilgiornale.it

Il Sudamerica all’attacco dei colossi della finanza. E ce n’è anche per noi italiani.

ecuador+2.jpgUn altro SPLENDIDO ARTICOLO di Sergio Di Cori Modigliani che non posso esimermi dal condividere con Voi.
________
Parliamo oggi di geo-politica.
Dalla linea del fronte del Sudamerica.
Come l’Ecuador, il Brasile e l’Argentina. Stanno combattendo anche per noi.
Perché tutto ciò che sta accadendo là, ha dei riflessi potentissimi in Italia.
Ecco perché:
Quattro bei schiaffoni assestati sulla faccia di una delle prime dieci più importanti aziende del pianeta, il colosso petrolifero-finanziario denominato Chevron.
Si tratta della prima sentenza giuridica  (e già questa sarebbe una notizia clamorosa)  più ricca in termini economici (il che aggiunge clamore a clamore) nonché la più potente dal punto di vista politico (che aggiunge al clamore + clamore, la necessaria attenzione che merita) mai sancita nella Storia del continente sudamericano.
Perché da una parte abbiamo un’azienda che nel 2011 aveva un fatturato di circa 250 miliardi di euro (il pil della Grecia) e dall’altra la Repubblica dell’Ecuador, modesta nazione sull’Oceano Pacifico, con un pil nazionale intorno ai 20 miliardi di euro, una popolazione mite, pacifica,  piuttosto povera, e priva di esercito militare (il loro budget annuo per armamenti è pari a quello di una caserma italiana a Viterbo, per dire).
L’Ecuador ancora una volta sale alla ribalta della cronaca internazionale, dimostrando la preponderante forza del Diritto Civico internazionale quando essa è accompagnata da un’adeguata classe politica che si rifiuta di scendere a compromessi con i mega colossi finanziari planetari.
La notizia secca è la seguente: “L’azienda petrolifera statunitense, con sede legale a Dallas, Texas, Usa, denominata Chevron, ha definitivamente perso la class action intentatagli contro da 32.500 indiani autoctoni dell’ Ecuador, sostenuti dal governo che si è presentato come parte civile e danneggiata. In seguito alla sentenza definitiva, la Chevron è stata condannata al pagamento di 19 miliardi di euro per “crimini contro l’umanità, devastazione del territorio idro-geologico, sfruttamento intensivo non autorizzato di località naturali protette, provocando la morte e la miseria di decine di migliaia di persone dal 1964 al 2004”.
La sentenza definitiva non è nuova, è del febbraio 2011.
Poi c’è stato l’appello, nell’ottobre del 2011, che ha riconfermato la sentenza portando il risarcimento per danni da 15 a 19 miliardi di euro. La Chevron, in quella occasione, aveva protestato la decisione formalmente, sostenendo che “il governo dell’Ecuador non è autorizzato legalmente a formulare tali sentenze in quanto avvezzo all’esercizio di pratiche dittatoriali” e di conseguenza si è rivolta “formalmente e ufficialmente” alla Corte Suprema d’Alta Giustizia statunitense (sezione esteri) per chiedere l’annullamento della sentenza e il suo non riconoscimento. Gli Usa, infatti, sono stati identificati come “territorio giurisdizionale valido” perché l’atto d’accusa e la denuncia erano state recapitate –in maniera formalmente ineccepibile, nel pieno rispetto delle leggi americane- direttamente, a mano, nelle mani di un funzionario della Chevron, in Texas, da parte di un segretario d’ambasciata, accompagnato da due avvocati esperti in diritto internazionale. Il 10 ottobre del 2012, finalmente la Corte statunitense si è espressa, dopo aver valutato la documentazione che ha ritenuto la sentenza del Tribunale di Quito legittima, e quindi applicabile. La Chevron si è appellata (come la Legge gli consente) contestando la sentenza dei magistrati, e si è rivolta direttamente al Presidente Usa, Barack Obama, il quale avrebbe potuto esercitare la prerogativa di annullamento di tale sentenza, avvalendosi del comma 6 dell’articolo 4 del codice di regolamentazione presidenziale, laddove si spiega come “il presidente ha il potere di stabilire o meno la liceità di qualsivoglia sentenza internazionale ai danni di un’impresa che ha sede legale e opera nel territorio statunitense, a condizione che tale sentenza venga identificata, provata e definita, come lesiva degli interessi strategico-militari della federazione Usa”.
E qui è arrivata la notizia bomba, e l’inatteso aiuto e solida alleanza (questa è stata per davvero una sorpresa per l’intero continente sudamericano) che il presidente Rafael Correa ha ottenuto, al di là delle sue migliori aspettative.
Il presidente della Chevron, infatti, è uomo abituato a dare ordini a quasi tutto il mondo, e di sicuro a tutti i presidenti Usa (la Enron, la Wel, la Halliburton, sono tutte aziende della Chevron) dato che nel suo comitato ristretto dei probiviri siedono George Bush sr., George Bush jr., Jeff Bush, Dick Cheney, Donald Rumsfeld, Bill Gates, il presidente della Visa e dell’American Express, e altri 10 grossi papaveri che da sempre foraggiano ogni presidente. Ha chiesto immediatamente udienza al presidente ottenendola. Data dell’appuntamento: 17 ottobre 2012. Ma all’ora dell’incontro, ha avuto una sorpresa, quella sì davvero inattesa. Invece di vedersela da solo, a tu per tu, con Obama –come pensava-  si è trovato in una stanza della Casa Bianca davanti a tre persone: il Ministro degli Esteri, Hillary Clinton, e due membri dell’avvocatura di Stato, un democratico e un repubblicano, come la Legge impone in Usa. Il presidente della Chevron, giustamente, è sbiancato. La Clinton gli ha consegnato copia della delega avuta dal Presidente e controfirmata dai due legali presenti, ed è iniziato il colloquio.
Peccato che non si chiami anche lei Christine, altrimenti avremmo la guerra delle tre Cristine.
Era dall’agosto del 1997 che Hillary Clinton aspettava quel momento.
E chi la conosce bene sa che è una donna vendicativa, oltre che una geniale stratega politica. Perché il presidente della Chevron è il più forte nemico personale di Hillary Clinton da quindici anni. Fu lei stessa a raccontarlo, nella primavera del 1998, al grande giornalista investigativo televisivo Peter Jennings, in una epica intervista andata in onda sul network ABC, quando spiegò come la Chevron, per conto del suo presidente, avesse imbastito lo scandalo sessuale di Monica Levinski con l’esclusivo interesse politico di ottenere la messa sotto accusa di suo marito e farlo dimettere perché aveva presentato al Congresso una legge per alzare l’aliquota delle tasse alle compagnie petrolifere. Allora, divenne un duello personale tra la Chevron e la Clinton che appassionò chi seguiva la vita politica americana. Perché quel duello è proseguito negli anni e non si è mai placato.
E così, la Clinton ha spiegato alla Chevron che non potevano far nulla per loro. Sembrerebbe che il presidente si sia imbizzarrito e abbia spiegato il suo punto di vista. “ a quegli indiani  bastardi io non gli do neppure un dollaro”.  I due avvocati, quindi, gli hanno spiegato come funziona la Legge. Nel caso lui si fosse rifiutato di pagare, dato che –proprio poche ore prima- era arrivata, attraverso canali diplomatici, la richiesta ufficiale da parte della Repubblica dell’Ecuador di ottenere il pagamento, lo Stato Federale Usa non si sarebbe fatto carico del debito, e subito dopo avrebbero ritirato alla Chevron “l’esercizio della licenza commerciale in tutto il territorio Usa”. Gli hanno spiegato che avrebbero dato ordine all’FBI di sigillare tutte le pompe di benzina e la Chevron sarebbe stata denunciata dal governo e sottoposta a processo da parte di una commissione del Congresso. Il presidente della Chevron si è alzato, ha mandato tutti a quel paese e se n’è andato. I suoi avvocati hanno avvertito l’Ecuador.
E così, in data 22 ottobre 2012, il piccolo Stato dell’Ecuador ha congelato tutti i conti correnti della Chevron in ogni nazione del continente sudamericano (circa 8 miliardi di dollari) e ha presentato regolare denuncia all’interpol e al consiglio di sicurezza dell’Onu.
In Sudamerica non si parla d’altro che di questo e della notizia successiva.
In Italia, neppure l’ombra della notizia, se non una nota di quattro righe (nel senso di 4) apparsa su Il Sole 24 ore, poi scomparsa, che non è stata ripresa da nessuno, né sul mainstream né in rete. Ad esclusione di un sito italiano che si occupa di problemi dell’ecologia sostenibile e odia le aziende produttrici di petrolio. Il sito si chiama greenpoint.it.  Ecco l’articolo che hanno pubblicato:
La Corte Suprema Usa ha respinto la  richiesta della Chevron per l’annullamento di una sentenza, emessa da un giudice ecuadoriano, che gli impone di pagare indennizzi per 18,2 miliardi di dollari per i danni causati dalle trivellazioni petrolifere in Amazzonia. La decisione della Corte Suprema è l’ultimo sviluppo in una lunga battaglia legale che ha scaricato sulla Chevron (che nel 2001 ha comprato la concessione petrolifera in Equador ereditando le responsabilità della Texaco)  i danni causati dal continuo sversamento di greggio da parte di un consorzio capeggiato dalla  Texaco. La sentenza ecuadoriana da 18,2 miliardi di dollari è stata emessa nei primi mesi del 2011, dopo 8 anni di indagini  nella città  petrolifera di Lago Agrio, l’Ecuador ha scoperto che la Texaco deliberatamente sversato più di 16 miliardi di galloni di greggio, fanghi e rifiuti tossici in Amazzonia dal 1964 al 1992, che hanno gravemente inquinato sorgenti, falde e corsi d’acqua, causando problemi di salute tra gli abitanti e decimato tribù indigene della regione del Lago Ario, così 30.000 persone hanno promosso l’azione legale.
Il rappresentante della Chevron in Ecuador, Rodrigo Perez Pallares, aveva ammesso che erano stati sversati almeno 16 miliardi di galloni di “produced water” nei corsi d’acqua dell’Amazzonia ecuadoriana in aree utilizzate dalle comunità indigene per l’acqua potabile, per fare il bagno e pescare. L’environmental auditor della Chevron, Fugro-McClelland, ha confermato che  nel 1992 in Ecuador la Chevron  «Ha sversato “Produced water”  dai sui impianti produttivi al  fine di scaricarla nei torrenti e nei corsi d’acqua» e che, ad eccezione di un impianto, nessuno degli scarichi «Era registrato» presso le autorità ecuadoriane. La Corte dell’Equador ha trovato prove dettagliate di oltre 900 pozzi contenenti rifiuti scavati nel suolo della foresta pluviale e abbandonati dalla Texaco che sono pieni di fanghi petroliferi che continuare a contaminare i terreni e le acque sotterranee. Secondo i rilievi degli esperti il materiale tossico ammonterebbe ad  oltre 5,6 milioni di m3, ai quali vanno aggiunte le numerose fuoriuscite di petrolio e il gas flaring che ammorba l’aria. La Chevron aveva subito rigettato la decisione della corte ecuadoriana, definendola «Fraudolenta»  e «Viziata da cattiva condotta giudiziaria» inoltre la Big Oil sosteneva che la decisione non fosse esecutiva ai sensi del diritto di New York.  Intanto gli avvocati degli ecuadoriani hanno recentemente avanzato richieste che puntano al sequestro di miliardi di dollari di asset della Chevron in Canada e Brasile ed hanno promesso di promuovere azioni di sequestro al più presto anche in altri Paesi, cosa che scondo la Chevron le avrebbe creto potenziali problemi operativi. La Chevron si era rivolta alla Corte suprema di New York ma ha perso, e l’high court ha respinto la sua richiesta di un provvedimento inibitorio che avrebbe impedito l’applicazione in tutto il mondo della sentenza dell’Ecuador.
Si tratta di una sconfitta per tutta la lobby delle Big Oil: diversi business groups  tra cui la Camera di Commercio Usa, la National association of manufacturers ed Halliburton, che aveva presentato memorie per conto del gigante petrolifero.
Nel 2010 e nel 2011 gli avvocati della Chevron  hanno sostenuto più volte che il pagamento della sentenza causerebbe «Un danno irreparabile» alla compagnia» con sequestri di petroliere ed attrezzature che potrebbero addirittura interrompere il flusso di distribuzione del petrolio da parte della multinazionale e quindi tutto questo «Incide non solo in una giurisdizione, ma in tutto il mondo».  Fino ad ora la Chevron nella sua campagna di pubbliche relazioni sosteneva che i tribunali americani avevano trovato la “frode” nel procedimento dell’Ecuador, ma la sentenza Usa la smentisce categoricamente e forse definitivamente.
Aaron Marr Page, un avvocato degli ecuadoriani, ha detto: «L’ultima sconfitta della Chevron davanti alla Corte Suprema è un esempio della  battaglia della sempre più inutile della compagnia per evitare di pagare i suoi obblighi giuridici in Ecuador. Chevron ha fatto  ricorso alla giustizia  mentre con i suoi scarichi tossici continua a creare un pericolo imminente di morte per i popoli indigeni in Ecuador». Un tribunale dell’Ecuador ha ordinato il blocco di tutti i beni nel Paese del gigante petrolifero Chevron. La decisione è stata presa in seguito al rifiuto della compagnia statunitense di pagare una multa da 19 miliardi di dollari comminata nel febbraio 2011 da un tribunale ecuadoriano. La Chevron è accusata dalla popolazione locale, 30mila persone, di aver provocato, tramite la sua controllata Texaco, gravi danni ambientali durante il periodo in cui estraeva petrolio nella foresta amazzonica, tra il 1964 e il 1990. Chevron ha fatto sapere di rifiutare la decisione del tribunale, che interviene una settimana dopo che la Corte suprema degli Stati Uniti, cui la compagnia si era rivolta, ha rifiutato di bloccare la multa miliardaria.
Le altre due notizie riguardano l’Argentina e il Brasile.
Per quanto riguarda l’Argentina la questione è all’ordine del giorno in tutto il continente sudamericano, seguita con enorme attenzione anche in tutta l’Europa del Nord e in Asia, dato che il ministro degli esteri argentino,  Hector Timerman, in data 22 ottobre 2012, è volato a New York dove ha presentato formale istanza all’assemblea dell’Onu contro il cittadino americano Paul Singer, un noto sciacallo della finanza speculativa e vera e propria iena mercatista, il quale, a nome di un fondo speculativo d’investimento con sede a Panama, ha fatto sequestrare nel Ghana, 20 giorni fa, la nave scuola argentina “Libertad” sostenendo di vantare un credito dal governo argentino, immediatamente appoggiato in questo frangente dal Fondo Monetario Internazionale. Ecco qui di seguito, il comunicato stampa ufficiale del governo argentino, pubblicato su tutta la stampa internazionale (l’Italia è tra le nazioni che hanno scelto di non pubblicarlo):
Por medio de un comunicado que leyó en la Casa Rosada junto al ministro de Defensa, Arturo Puricelli, Timerman anticipó que mañana liderará una misión al Consejo de Seguridad de las Naciones Unidas, para denunciar la violación de los derechos humanos de los tripulantes y de tratados internacionales y la comisión de delitos financieros. La decisión implica el fracaso de las negociaciones iniciadas el lunes pasado por una delegación diplomática enviada a la capital del país africano, Accra, para liberar el buque retenido en el puerto de Tema. El comunicado incluye fuertes críticas al país africano y al juez que acogió el pedido de los bonistas. Y reitera la denuncia de un complot entre “los fondos buitre” y “sus socios argentinos”, para extorsionar al país.
Luego de que la Presidenta ordenara ayer evacuar la Fragata Libertad, retenida desde hace 20 días en Ghana, el canciller Héctor Timerman partió este mediodía rumbo a Nueva York para tratar el caso ante Naciones Unidas.
Según el comunicado emitido esta mañana por el Ministerio de Relaciones Exteriores, el funcionario mantendrá durante el lunes reuniones con las autoridades del organismo internacional, incluida una cita con el secretario general, Ban Ki-Moon. “Timerman lleva como único tema de agenda la detención ilegal de la Fragata Libertad en Ghana, en cuanto se trata de un preocupante precedente para la navegación mundial debido a que un juez ghanés ha decidido no respetar la inmunidad de una embarcación militar reconocida por el Derecho Internacional Público del que Ghana es parte”, dice el comunicado. La Fragata Libertad está retenida desde hace 20 días en Ghana por una demanda presentada por tenedores de bonos en default de la Argentina. La medida de desalojar la nave fue anunciada ayer por Timerman, quien denunció que los 326 tripulantes del navío estaban en riesgo por “falta de garantías”
.
Il debito chiesto da questo finanziere riguarda la questione dei bonos argentini andati in default nel 2001. In seguito alla bancarotta, il governo argentino, com’è noto, a differenza dell’Ecuador si è dichiarato “nazione insoluta e insolvibile” ma ha riconosciuto “pienamente e legittimamente” la quantità di debito dovuta, chiedendo e ottenendo dilazioni e sconti pagabili nell’arco di dieci anni, di cui l’ultima tranche è stata saldata lo scorso 2 agosto 2012, con sei mesi di anticipo sulla scadenza prevista. In seguito alla varie contrattazioni, sono stati stabiliti diversi parametri, approvati, a suo tempo, da tutte le organizzazioni internazionali. Il signor Paul Singer è un cittadino privato, proprietario del fondo Elliot management, con sede a Panama. La sua lucrosa attività decennale, consiste nel gettarsi come una iena sulle nazioni sudamericane acquistando buoni del tesoro nei momenti di difficoltà scommettendo al ribasso per spingerli al fallimento e al momento giusto vendere il tutto, incassare il premio speculativo dell’assicurazione, mandando a picco le quotazioni. Lo ha fatto sei volte in Perù, Bolivia, Argentina. Il tutto gestito da una società che si chiama NML Capital, con sede a Panama, di cui è stato consulente Walter Lavitola. Il signor Paul Singer è uno dei grandi finanziatori di Mitt Romney. Costui sostiene il diritto di prelazione sul premio di assicurazione dei tango bonds, datato 2002, in quanto ha protestato l’offerta di patteggiamento offerta dal Fondo Monetario Internazionale, la cui presidenza –guarda caso- proprio un mese fa ha scovato un comma dell’accordo e gli ha dato ragione. E così, un cittadino privato statunitense ha convinto (????) il governo del Ghana a sequestrare una nave militare argentina (con 25 marinai a bordo) a saldo della cifra da lui richiesta, violando ogni convenzione internazionale del Diritto.
Non si parla d’altro che di questo, in tutto il Sudamerica, in Canada, e in Usa nella sezione esteri.
La Kirchner , va da sé, è furibonda, così come lo è l’opinione pubblica argentina e sudamericana. Tanto più che il signor Singer – appoggiato e sostenuto da Mitt Romney pubblicamente un’ora e mezza prima di scontrarsi sulla politica estera con Obama alla tivvù- ha dichiarato con la conseguente eleganza che lo contraddistingue “è bene che in Sudamerica si diano una regolata, quei topi da fogna, e che capiscano che il mercato decide il destino delle Libertà” (la nave argentina si chiama, per l’appunto, Libertad).
Ed è arrivata, pertanto, la terza notizia, questa tutta politica, al 100% politica, che va a colpire il cuore della Repubblica Italiana, perché, come ha detto qualche giorno fa alla tivvù argentina il portavoce del governo, “questa è una porcheria del trio fascista europeo e la pagheranno molto cara questa volta” (ndr. Il trio fascista sarebbe Christine Lagarde/ Mario Draghi/Mario Monti).
Il conto lo sta presentando il Brasile, la nazione più potente del continente sudamericano, dal punto di vista militare, economico, culturale, politico.
E’ il grande sindacalista Lula da Silva, ex presidente che ha cambiato il volto e le prospettive esistenziali della nazione carioca, a guidare la carica. In Brasile hanno iniziato una campagna pubblica di massa raccontando come funziona il sistema di corruzione fascista degli italiani e di come per dieci anni sono stati obbligati a violare ogni Legge internazionale per pagare tangenti ai funzionari governativi italiani che “si facevano dare il via libera dalle apposite commissioni europee per venderci armi, cibo e medicine,  ma poi pretendevano la percentuale tra il 10 e il 15% sottobanco versate su conti estero su estero ai diversi ministri e sottosegretari. L’ex ministro della difesa brasiliano ha fatto sapere pubblicamente di essersi messo a disposizione della magistratura italiana per fornire ogni dettaglio che gli venga richiesto. E lui ha in mano tutte le ricevute dei versamenti fatti, i nomi delle personalità, i conti correnti, le cifre. Da un primo calcolo degli analisti economici sudamericani si rileva che il buco nel bilancio statale della Repubblica Italiana nella sezione “forniture di materiale strategico al Sudamerica” nell’arco di tempo tra il 2001 e il 2011 si aggira intorno ai 50 miliardi di euro. Ai quali bisognerebbe assommare quelli relativi all’Africa, all’Asia, al Medio-Oriente e ai paesi arabi, località che non seguo, di cui non dispongo informazioni dettagliate. Una cifra questa che non è inserita “ufficialmente” nel bilancio, ma che risulta “realmente” spesa; il che spiega in parte come sia possibile che a fronte di tutte queste manovre economiche degli ultimi 30 mesi, la spesa pubblica aumenti ancora invece di diminuire.
Ne viene fuori, quindi, un quadro geo-politico completamente diverso da quello che ci stanno raccontando i media tutti i giorni a proposito del cosiddetto “scandalo Finmeccanica”. Non c’è nessuna brava persona che si è pentita e ha confessato, non c’è nessun successo della magistratura, non c’è nessuna abilità investigativa né tantomeno volontà governativa nel dire come stanno le cose.
Ci sono i brasiliani che stanno vuotando il sacco, consapevoli di trovarsi sulla prima linea del fronte. E’ un’altra storia.
Perché prosegue la guerra tra le due Cristine.
E non si tratta di zuffe isteriche tra due donne capricciose.
Si tratta di ben altro.
Si tratta dell’incompatibile scelta tra un continente che ha detto “no ai diktat della finanza speculativa internazionale” e ha scelto di essere autonomo, indipendente, e investire risorse, intelligenza, volontà ed entusiasmo, che si sta scontrando con nazioni come l’Italia che ha invece scelto di mettersi al servizio passivo dei colossi finanziari che stanno strozzando l’economia del continente, ben rappresentati dal governo che abbiamo.
Si tratta della campagna elettorale statunitense che si gioca anche su questi terreni.
Perché è completamente FALSO ciò che sostengono i beceri complottisti che presentano Romney e Obama come due facce della stessa medaglia. E’ una idiozia bella e buona. Come a dire che se nel 1932 invece di Franklin Delano Roosevelt fosse andato al potere il suo avversario sarebbe stato uguale oppure se nel 1960 invece che Kennedy avesse vinto Nixon sarebbe stata la stessa cosa. O -nel caso dell’Ecuador- se invece di vincere nel 2007 Rafael Correa avesse vinto il suo antagonista (laico, social-democratico, libertario, ma guarda caso amante delle multinazionali Usa) non sarebbe cambiato nulla. Il che autorizza e spinge a pensare che se in Sicilia vince Cancellieri o Miccichè è la stessa cosa, così come è la stessa cosa se le primarie del PD le vince Nichi Vendola o Matteo Renzi. Non è così. Ma soprattutto non è così che si legge la Politica.
Esiste un “potere forte” che è molto più forte di qualsivoglia altro potere: è il “potere personale”, ed è quello manifestato nella Storia, negli ultimi 10.000 anni, in tantissimi frangenti. Sono gli individui che hanno fatto la differenza, e si sono assunti la responsabilità di operare cambiamenti epocali. E’ avvenuto, è accaduto. Se non fosse così, il fascismo appena insediato, nel maggio del 1924 non avrebbe deciso di far assassinare Giacomo Matteotti, tanto un socialista valeva l’altro. E invece non era così.
Non è così, e non sarà mai così.
Se vince Romney vincono gli strozzini della finanza che vogliono de-industrializzare l’Europa e cinesizzare il mercato del lavoro per schiavizzarci definitivamente.
Se vince Obama, non saranno affatto rose e fiori. Ma una cosa è certa. 24 ore dopo la sua vittoria che io fortemente auspico, si apre “il Grande Contenzioso” e lì avremo una carta e una possibilità da giocarci tutti.
Perché il vero nemico degli Usa è la Cina.
Il vero nemico americano è lo yuan che sta per sostituire il dollaro, ed è ciò che vogliono i colossi finanziari. E quindi, Obama, per salvaguardare il suo impero e combattere lo yuan, deve “assolutamente” abbattere l’euro, moneta solo virtuale, sull’orlo del collasso, sostenuta soltanto dai cinesi a Hong Kong in funzione anti-americana. Sono due prospettive opposte, altro che uguali!
Volete uscire dall’euro? Volete che la BCE venga messa all’angolo? Volete che ci sia anche una possibilità di abbattere il fiscal compact?
Sperate, allora, che vinca Obama.
Lì, a Washington, Paul Krugman, John Stiglitz, Nouriel Roubini e Christina Rohmer, stanno già scaldando i motori. Lo sanno benissimo qual è la posta in gioco, e sanno quale sia il fronte della battaglia, e come combatterla.
In Italia, non hanno neppure capito che stiamo in guerra.
Anche perché nessuno spiega il funzionamento dell’attuale quadro geo-politico.
Va da sé che non è certo casuale.

Fonte: sergiodicorimodiglianji.blogspot.it
Set 2, 2011 - Cronaca, Ecologia, sport    No Comments

Il Telefono, la TUA voce….

Quartucciu, colpito al petto dal suo fucile Muore cacciatore, distratto da cellulare?… anzi, quella degli animalisti!

Quartucciu, colpito al petto dal suo fucile Muore cacciatore, distratto da cellulare?

Sarebbe stato tradito da una telefonata al cellulare, l’ultimo gesto della sua vita, il cacciatore Maurizio Tasini, 40 anni, di Cagliari, morto questa mattina all’alba perché raggiunto dai colpi della propria doppietta al fianco sinistro mentre si trovava nelle campagne di Quartucciu.
    I carabinieri che sono giunti sul luogo dell’incidente hanno accertato che il fucile era privo di sicura, pronto per sparare contro le prede autorizzate per la prima giornata venatoria. Sotto il corpo dell’uomo, che è stato rimosso dopo l’autorizzazione del magistrato, è stato trovato il suo cellulare. Sarebbe stata un’ultima chiamata al telefonino a causare forse la disattenzione nel cacciatore, che ha poggiato sulla propria sinistra l’arma dalla quale sono partiti i due colpi risultati fatali.
L’allarme è stato dato da alcuni cacciatori che, sentito il colpo, hanno trovato il cadavere e chiamato i carabinieri. Il magistrato ha disposto la perizia necroscopica. che verrà effettuata domani sera all’Istituto di medicina legale del Policlinico di Monserrato, dove la salma è stata trasferita su disposizione del magistrato.
Si tratta del primo incidente di caccia della stagione venatoria appena cominciata.


Natura – Cacciatori 1-0

Fonte: unionesarda.it

In arrivo le Stampanti 3D

Stampanti 3D presto sotto i 5000$

Fin dai tempi di Star Trek tutti ne abbiamo desiderato uno: un replicatore. Un Replicatore può creare qualsiasi oggetto inanimato dalla materia dei rifiuti. Con l’arrivo di stampanti 3D, lo sviluppo tecnologico ha raggiunto una nuova frontiera dell’immaginazione.

La stampa 3D funziona esattamente come appare. Gestire un file modello 3D mediante un computer che ha il compito di gestirne la stampa. La stampante poi fa uso di tecniche di additivo mediante l’applicazione di strati su strati di materiali come plastica o acciaio, replicando il modello digitale 3D in materia reale. Questo è possibile “affettando” il modello 3D in strati e creando un’immagine 2D per ogni sezione. Queste immagini 2D sono quindi stampate con fini materiali in polvere, aggiunti strato su strato.

Ma all’attuale prezzo di oltre 100.000 $ è difficile una larga diffusione del Replicator. Ma nel video del New York Times incorporato sotto CEO di Autodesk Carl Bass, una società che progetta software per la gestione di stampanti 3D, dice che presto saranno disponibili sul mercato stampanti per una cifra decisamente più abbordabile, vicina ai 5000,00$.

La stampa 3D può contribuire ad un’economia sostenibile, riducendo il trasporto. Invece di spedire merci in tutto il mondo in futuro dovremo solo scaricare un modello 3D e stampare la roba a casa. Il numero del 10 Novembre di novembre di Digital Planet BBC ospita un’intervista con Adrian Bowyer e Fiandre David che ha costruito una macchina autoreplicante. Una stampante 3D che stampa stampanti 3D. Si chiama RepRap, abbreviazione di Replicator rapida. Il prezzo di un RepRap è di soli $ 500, -. Ma c’è di meglio, sono cedute gratuitamente. Finché si promettono di dare via la RepRap primo stampato pure.

Fiandre vede molte opportunità per le economie emergenti. Possono essere stampate a basso costo le scarpe per bambini. Quando il bambino cresce, il modello digitale per la scarpa può essere allargato da 0,03 per cento. E poiché la stampa del materiale replicatore è riutilizzabile, la vecchia scarpa può essere riutilizzata dagli organi di stampa. Una bottiglia di plastica del latte può essere ingrandita per aumentare il volume e un paio di scarpe nuove materializzarsi col replicatore.



Fonte: tradotto da techthefuture.com
Apr 13, 2011 - Ecologia    No Comments

Una marea di vetture VUOTE!!!

Movimento 5 StelleVi riporto una interessante iniziativa dei ragazzi del Movimento 5 Stelle.

A volte si sprecano fiumi di parole alla ricerca di invenzioni per il riparmio energetico e la riduzione delle emissioni inquinanti, invece, abbiamo a portata di “viaggio” una marea di “Sedili vuoti viaggianti”. I ragazzi hanno avuto un’idea per il loro sfruttamento SICURO!!

Senza dimenticare che per il proprietario della vettura che “effetua il servizio” avrà un compenso che lo incentiverà.


Jungo a Carpi, c’è ma non si vede

Venerdì 18 febbraio abbiamo organizzato a Carpi una conferenza di presentazione alla cittadinanza di Jungo, un innovativo modo di spostarsi, ideato dall’avv. Enrico Gorini.
Tutti i presenti, fra questi anche il mobility manager di Carpi, sono rimasti piacevolmente colpiti dalla proposta, tanto che almeno una ventina di loro ha deciso di tesserarsi a fine conferenza. Uno di questi, che non conosco se non attraverso la mailing list di Jungo, dove si firma ‘Locco’, ha iniziato a spostarsi da jungonauta in provincia di Modena, e gli originali resoconti delle sue esperienze ‘pilota’ sulla mailing list di Jungo, sono diventati da stimolo ed incentivo anche per gli oltre 500 iscritti della provincia di Trento, che ha ufficialmente patrocinato e promosso il progetto.

Per saperne di più vedi anche questo video

Fonte: beppegrillo.listeciviche
Pagine:12»