Archive from febbraio, 2012

Rossella Urru LIBERA!

Rossella UrruHo appreso del Blogging Day dedicato a Rossella ed ho apprezzato l’iniziativa che spero si diffonda come e più di un VIRUS!
Riporto da sito ufficiale rossellaurru.it il testo della lettera di Marco Dettori del 26 febbraio 2012.


    Cara Rossella, non ci conosciamo ma oggi mi sono deciso a scriverti questa piccola lettera di solidarietà. Molto spesso vedo la tua foto in tv, su internet, e leggo gli appelli per la tua liberazione che anche io, nel mio piccolo cerco di condividere. Certe volte mi sembra troppo poco far questo, come se non servisse a nulla, come se fosse una goccia troppo debole ed insignificante, come quelle di una pioggia breve e leggera, che dopo un po’ si asciugano e non lasciano tracce nel terreno. Poi penso che invece siamo in tanti a condividere quest’appello, tanti ragazzi che abbiamo la tua stessa età e che veniamo dalla stessa terra, o magari no, abbiamo età diverse, esperienze e provenienze diverse, ma abbiamo tutti voglia di rivederti di nuovo a casa, con quello stesso bellissimo sorriso che vediamo sempre nelle tue foto che passano sui giornali. E tutte le nostre gocce messe insieme cominciano a fare una pioggia più grande, intensa, che raggiunge le radici degli alberi più lontani. Spero che arrivi presto il momento in cui potrò dire: “Rossella è libera”.

Un abbraccio,

Marco Dettori
26 febbraio 2012


Chi mi legge, mi conosce per le mie incazzature, so che è tendente al “fuori luogo”, ma non posso trattenermi dal comunicarvi uno stato d’animo che da qualche giorno mi fa girare i coglioni: I fatti dei Marò in India. Ebbene, per tutelare i “pistoleri” hanno mosso marie Monti (già, proprio lui, che ha anche mandato il Ministro a vedere cosa si possa fare per salvare il culo degli sceriffi).

Cazzo!
E per Rossella?? E bravi i notri bei Tecnici, alzate il culo e portatela a casa!!

Lotta agli evasori, la GdF ed i suoi BLITZ.

Questa mattina a apprendo di un nuovo Blitz della GdF a Bologna. Pare abbiano addirittura beccato un evasore totale proprietario di 200 case.

Cerco in rete e trovo anche questa:

Fisco, maxi evasione da 150 milioni
blitz all’alba, sette persone arrestate

L’operazione ‘Prima Lux’ ha impegnato 200 uomini della guardia di finanza
tra la Lombardia e altre città. Sequestrati anche immobili di pregio e società

    Hanno evaso l’Iva e le imposte dirette per complessivi 150 milioni di euro. Una vera e propria organizzazione criminale, dedita all’evasione fiscale e all’utilizzo di false fatture, scoperta dalla guardia di finanza di Pavia. Sette le persone arrestate, alle quali è stata contestata l’associazione per delinquere finalizzata alla frode fiscale oltre ad altri reati tributari. In carcere sono finiti il capo dell’organizzazione, un quarantaquattrenne di Usmate Velate (Milano); una 42enne di Missaglia (Lecco), socia e commercialista delle società implicate, e un 47enne di Binasco (Milano). Agli arresti domiciliari altri soci: un 51enne di Cormano (Milano), un 69enne e  un 54enne entrambi di Milano e un 56enne di Sapri (Salerno).
DOSSIER Quei 546 lombardi sconosciuti al Fisco
    I finanzieri pavesi hanno controllato 13 società operative che facevano capo a un consorzio, con sede a Monza, che lavorava nel settore della logistica e del facchinaggio. Le indagini hanno permesso di appurare che venivano emesse fatture per operazioni inesistenti, con la produzione di costi fittizi privi di regolare documentazione. Gli accertamenti di carattere tributario, alcuni dei quali devono essere ancora completati, hanno consentito di scoprire sette evasori totali (completamente sconosciuti al fisco) e due evasori paratotali (che non denunciavano cioè più del 50 per cento del loro fatturato). La guardia di finanza ha accertato la produzione e la ricezione di fatture false, oltre alla registrazione di costi fittizi per oltre 30 milioni di euro e Iva evasa per oltre 10 milioni.
Le verifiche fiscali, ancora da completare, dovrebbero portare all’effettivo riscontro di ricavi non dichiarati e non sottoposti a tassazione per circa 120 milioni. Le indagini, coordinate prima dalla Procura di Pavia e poi da quella di Monza, hanno consentito di denunciare 20 persone per associazione per delinquere e reati fiscali. Sono inoltre stati sequestrati 23 immobili in Lombardia, Toscana, Emilia Romagna e Sicilia. Sequestrate anche quattro società immobiliari e le quote sociali di altre nove società, tutte inesistenti. L’attività ha impegnato 200 finanzieri in tutto il territorio nazionale.

(09 febbraio 2012)


Bene!
E dopo Cortina, Courmayeur, Milano, le movide di Roma e Modena…
… si sommano i “RAID” della Guardia di Finanza.

Davvero bene, però, mi chiedo: DOVE CAZZO ERANO FINO A DUE MESI FA???

TAV – I numeri contro le chiacchiere.el post

Corridoi TAVHo trovato un articolo che ho molto apprezzato.

Un po lungo, ho pensato di effettuare un po di tagli per renderlo più comodo da leggere.

… a una a una le ragioni del no al Tav, dati alla mano, dati scientifici, 140 pagine di osservazioni, l’Ing. Sandro Plano Presidente della Comunità Montana, il Prof. Angelo Tartaglia Politecnico di Torino, il Prof. Marco Ponti dell’università di Milano.[omissis]
Marco Ponti, sul Tav ha una posizione assolutamente chiara, perché? Perché dice che il gioco non vale la candela, non lo prende neanche in considerazione dal punto di vista dell’ambiente, lo prende in considerazione dal punto di vista dell’utilità, dell’interesse nazionale a spendere 20 o 30 miliardi di Euro a imbrattare una valle o più valli con un cantiere di 20 anni per fare una cosa che già oggi si sa che non serve a nulla! [omissis] ci dicono un luogo comune:
1) fa parte dei corridoi europei, è vero ma è ridicolo,
questi corridoi prioritari sono cresciuti talmente di numero che oggi sono 30 e coprono fittamente tutta l’Europa, nessun paese o regione poteva essere scontentata di priorità non si può proprio più parlare, sono 30!
2) Crea sviluppo e occupazione, falso,
per Euro pubblico speso le grandi opere occupano pochissima gente rispetto a quelle piccole, alle manutenzioni di cui c’è estremo bisogno, il cemento è una tecnologia matura, non è certo l’informatica o la microbiologia genetica.
3) perdiamo soldi europei, vero ma ridicolo,
se va bene ma proprio bene, perdiamo 3 miliardi, anche se il finanziamento iniziale è 600 milioni, su 22 miliardi di costo, il resto ce lo mettiamo noi e si tratta di costi preventivi, in realtà risparmieremo 11 miliardi, la nostra quota, quella italiana a non costruirla, infatti pensate, avremo già 1/4 della manovra fatta rinunciando a questa porcheria, se si chiedesse agli utenti merce e passeggeri, tariffe che coprono parte dell’investimento, questi diventerebbero così alte che non ci passerebbe nessuno, merci e passeggeri pagano volentieri i costi di costruzione delle autostrade, ma in generale non ne vogliono sapere di pagare quelli dell’alta velocità , pagano al massimo i costi di esercizio.
4) altrimenti gli altri costruiscono un corridoio a nord delle Alpi e ci fregano, questa è pura fantascienza
, qualcuno dovrebbe rispondere di queste frottole e poi si occupa degli aspetti tecnici, anche essi fantasiosi li definisce il Prof. Marco Ponti: il Tav sposterà un sacco di camion via dalla strada con grandi benefici ambientali, finora – dice – non è mai successo neanche in Francia, patria dell’alta velocità, i passeggeri ufficialmente previsti sulla nuova linea se e quando sarà in funzione, sono pochissimi, 16 treni al giorno su una capacità di 250 treni al giorno, ma paradossalmente anche se ci riuscisse le emissioni del cantiere sono tali che compenserebbero questi ipotetici risparmi per i prossimi 20 anni. [omissis] la tratta transnazionale italo – francese, quella italo – francese in base al progetto presentato nel 2010 prevede un tunnel di base a doppia canna lungo 57 chilometri sotto il massiccio dell’Ambin con scavi fino a 2000 metri di profondità con imbocco nella zona di Susa fino a Saint Jean de Maurienne in Francia, quali sono i preventivi e le previsioni di spesa? Per il tunnel di base il documento è un dossier presentato dall’Unione Europea nel 2007 che preventiva a gennaio 2006 un costo di 14 miliardi di Euro e per il 63%, cioè 9 miliardi è a carico nostro, dell’Italia, a questi poi vanno aggiunti 5 miliardi per la tratta italiana, mai i preventivi delle linee alta velocità già realizzati sono stati rispettati, Roma – Firenze è lievitata di 6 volte, Torino – Milano 5 volte rispetto ai preventivi, Firenze – Bologna di 4, quindi se tutto va bene, se anche lievitasse di 4, il minimo in Italia, questa roba non ci costerebbe 20/22 miliardi, ma 80. [omissis] Quanto e di quale tipo sarà l’impatto ambientale della costruzione del Tav? Secondo le stime i cantieri del Tav Torino – Lione durerebbero non meno di due decenni, il tunnel di base comporterebbe lo smaltimento di circa 18 milioni di metri cubi di materiale da scavo che sono anche inquinanti perché ovviamente contengono anche sostanze tossiche, sostanze a volte radioattive, sostanze da trattare in maniera particolare, non sono pietre normali, ci vorranno per trasportarle via in 20 anni, questi 18 milioni di metri cubi di materiale da scavo 1 milione di viaggi in tir, avete presente la Valle di Susa? Un milione di viaggi di tir per portare via questa roba che viene asportata negli scavi, le montagne della Valle di Susa sono notoriamente ricche di rocce amiantifere e di uranio senza contare le ricadute dello scavo sul sistema idrogeologico come già è accaduto nel Mugello dove ci sono frane, falde acquifere essiccate, disastri ambientali che pagheremo nelle prossime generazioni, le stiamo già pagando, in più escono amianto e materiali radioattivi, un milione di viaggi per portare via il tutto.

Come sempre ecco la Fonte anche per chi volesse legger l’articolo integrale: blogsgfinpiazza.myblog.it

Ma porca troia!!!

Ma cosa aspettiamo a CACCIARLI A PEDATE??Partiti-papponi: vogliono soldi Già pronta una legge del Pd

Partiti-papponi: vogliono soldi Già pronta una legge del Pd

Nei giorni dello scandalo-Margherita si scopre che i democratici hanno scritto un disegno di legge per raddoppiare il finanziamento


Nei giorni dello scandalo che ha travolto la fu Margherita di Francesco Rutelli, un partito che tramite l’ex tesoriere Luigi Lusi avrebbe fagocitato 13 milioni di euro di finanziamenti pubblici, spunta fuori un disegno di legge del Pd proprio sul finanziamento pubblico. Il progetto non mira a cancellare lo scandalo. Bensì lo raddoppia. I politici non rinunceranno mai ai fondi pubblici, ma che in queste ore si scopra l’esistenza di un progetto di legge firmato dalla sinistra che mira ad aumentarli è grottesco e paradossale. Semmai i partiti dovrebbero rendere trasparenti i loro bilanci, sottoponendoli a controlli indipendenti come fanno le società per azioni.

Fonte: liberoquotidiano.it

Un taglio alle COGLIONATE no?

Tempo fa, Padoa Schioppa disse che “pagare le tasse è una cosa bellissima”….

Adesso quest’altro consulente di Goldman Sachs, come Prodi, Draghi, Letta (tutti benefattori attenti alla giustizia sociale) se ne esce con la monotonia del Posto fisso.

Qualcuno potrà mai spiegargli che se devo uscire da casa dei miei a fare famiglia ho bisogno di un mutuo?
Ha per caso idea che per avere un cazzo mutuo E’ NECESSARIO ESSERE MOLTO BEN ANNOIATI???

“Che monotonia il posto fisso tutta la vita!”. Ieri Mario Monti, dagli schermi di Canale 5, ci ha reso partecipi della sua prima esternazione alla maniera di un Brunetta qualsiasi. Secondo il presidente del Consiglio, avere un lavoro sicuro che dura tutta la vita sarebbe un’opprimente palla al piede, un pericolo da scongiurare.

Da che pulpito viene la predica. Per Monti, infatti il posto fisso non è mai stato un problema. Una vita nel gotha economico-finanziario a livello mondiale, una confortevole poltrona da senatore a vita, e uno scranno di notevole importanza nel gruppo Bildelberg, tema quest’ultimo su cui il buon “SuperMario” non ha voluto ancora fornirci alcun tipo di spiegazione.

Cosa intende poi l’ex advisor di Goldman Sachs quando afferma che sarebbe opportuno “tutelare un po’ di più chi oggi è quasi schiavo nel mercato del lavoro”, e con quali misure vuole dare seguito a questo suo auspicio? Cancellando per caso l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori?

Fonte: Andrea Demontis su poverapatria.com

ESATTAMENTE COME GLI ALTRI PARTITI!!

Movimento 5 Stelle03 Febbraio 2012
IL M5S BOLOGNA RESTITUISCE 9293,00 EURO AL COMUNE.

user-picdi MASSIMO BUGANI


Bologna – 

Nel 2011 avevamo a disposizione 12.935 €, ne abbiamo lasciati 9.293 € nelle casse del Comune di Bologna. Ma questo non l’abbiamo fatto per voler fare gli eroi o per volere un applauso, semplicemente abbiamo speso solo per cose necessarie al nostro lavoro e non abbiamo pensato nemmeno un secondo a come spendere il resto dei soldi. “Se ci avanza qualcosa lo lasciamo al Comune” ci siamo detti a giugno, e al Comune abbiamo lasciato più di 9.000 €.

UNA POLITICA CON POCHE RISORSE è POSSIBILE, noi ne siamo la prova.

Federica Salsi, Massimo Bugani, Marco Piazza
Consiglieri Comunali Movimento 5 stelle Bologna
Portavoce dei cittadini
Suggerisco di scaricarvi un volantino e DISTRIBUIRLO agli elettori DEI MORTI chiedendo loro se hanno memoria di un ATTO SIMILE ad opera dei LORO RAPPRESENTANTI!

Fonte: beppegrillo.it/listeciviche